Varese

I Celti sconfissero Roma. Come racconta il romanzo del varesino Gazo

Il varesino Michele Gazo

Il varesino Michele Gazo

Si intitola “Il Flagello di Roma” il romanzo del varesino Michele Gazo edito nella collana di best-seller Rizzoli Max e disponibile in tutte le librerie e nei bookstore online. Il libro ricostruisce l’intera vicenda di Brenno, il condottiero celta che nel 390 a.C. riuscì a distruggere Roma. Per la prima volta l’epopea del mitico personaggio viene narrata dal punto di vista dei Celti, con tecnica moderna, ritmo veloce e taglio epico.

Attraverso battaglie e colpi di scena, una trama avventurosa e avvincente ripercorre fedelmente quanto riportato dalle fonti storiche: dalla clamorosa sconfitta dei Romani sul fiume Allia, all’incursione celtica sul Campidoglio con il risveglio delle oche sacre di Giunone, fino al famoso episodio della bilancia, con il lancio della spada di Brenno sopra l’oro offerto da Roma, al grido di “Vae victis” (“guai ai vinti”).

Azione, avventura e il fascino di una rievocazione suggestiva sono gli ingredienti chiave di una trama potente e impetuosa che coniuga la fruibilità avvincente allo spessore letterario. La celebre vicenda rappresenta il primo scontro storico tra Celti e Romani, e mostra il contrasto insanabile tra i mondi diammetralmente opposti dei due popoli: quello celtico, in armonia con i boschi e regolato dai ritmi naturali e dai moti stellari, e quello romano, organizzato in complesse strutture sociali e orientato all’espansione e alla conquista militare.

Michele Gazo è nato a Varese nel 1977. Appassionato di storia, tradizioni e leggende celtiche, ha pubblicato nel 2000 il romanzo“Il Libro di Thoth” (Alfa – Loescher) nella collana i Cidilibri (premio Cenacolo 2002), e nel 2008 il saggio “I Misteri di Varese”, edito a fascicoli con il quotidiano La Provincia di Varese, che ha riscosso un grande successo. Lavora come copywriter.

31 marzo 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi