Roma

Il presidente Napolitano si affida ai “saggi”. E respinge l’ipotesi dimissioni

Il presidente Giorgio Napolitano

Il presidente Giorgio Napolitano

Nessuna dimissione prima dello scadere del mandato. Il presidente Giorgio Napolitano soffoca sul nascere le voci che circolavano da ieri pomeriggio. Un ulteriore impegno lo attende, nei prossimi giorni, per cercare di formare un governo in tempi stretti.

“Serve responsabilità da parte di tutti i partiti politici per il bene del Paese”. Ha dichiarato il presidente. “Nella prospettiva delle prossime elezioni del Capo di Stato, io continuerò fino all’ultimo il mio mandato”, ha ribadito.

In particolare, Napolitano ha comunicato come intende procedere, dopo il nulla di fatto registrato da Bersani, presidente incaricato: “Chiedo a due gruppi ristretti di personalità di formulare soluzioni programmatiche condivise di carattere istituzionale, economico e sociale”, ha spiegato il presidente della Repubblica.

Il Capo dello Stato ha poi aggiunto che si tratterà di gruppi costituiti da ”personalità tra loro diverse per collocazione e per competenze”. I due gruppi, si è appreso, lavoreranno in modo autonomo.

30 marzo 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Il presidente Napolitano si affida ai “saggi”. E respinge l’ipotesi dimissioni

  1. Giovanni Dotti il 31 marzo 2013, ore 23:21

    Piuttosto che istituire nuovi gruppi di consultazioni formati da “saggi” ( eletti da chi? Di “consulenti” l’Italia e’ gia’ piena , con quali risultati si vede !) Napolitano faccia costituire e funzionare subito le COMMISSIONI PARLAMENTARI, come reclama giustamente Grillo, che in democrazia sono le sole legittimate a trattare dei problemi sociali ed economici per trovare soluzioni condivise da portare poi al voto del Parlamento.

Rispondi