Busto Arsizio

Busto Arsizio, Riverso: quanto è difficile parlare con il sindaco…

Una simpatica vignetta di Riverso

Una simpatica vignetta di Riverso

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera di Tiziano Riverso, vignettista di fama e organizzatore culturale, a proposito della sua difficoltà a conferire con il sindaco di Busto, Farioli:

Gentilissimi ,

vorrei porre alla vostra attenzione la seguente situazione. Sono tre mesi che ho chiesto udienza al Sindaco di Busto Arsizio per una questione legata ad un progetto culturale per la Biblioteca della città stessa; fino ad oggi, nonostante alcune generiche rassicurazioni dalla segreteria del Sindaco, non ho ricevuto nessuna risposta.

Capisco il periodo elettorale passato, capisco gli impegni istituzionali, però mi sembra che un cittadino privato e nel mio caso anche un operatore culturale che agisce sul territorio nazionale e non, non riesca a parlare con il primo cittadino per esporre le sue motivazioni, faccia a faccia.

Non conoscessi Gigi Farioli da così tanto tempo, capirei ma questo “muro di gomma” mi sembra veramente assurdo. Tra l’altro, lamentandomi sui social network di questo stato di cose, mi sono reso conto che sono in buona compagnia, e che non è solo uso del Sindaco non ricevere i suoi cittadini. Ma uno cosa deve fare per ricevere una risposta? Non importa quale sia la risposta, importa che educatamente lo si faccia.

Confido nel vostro giornale, di avere un piccolo spazio dove voi riterrete meglio, e sono a disposizione per chiarimenti in merito.

Non sarò un cittadino emerito che riceve premi dalla città, ma neanche un cittadino di serie B mi sta bene.

Cordialmente.

Tiziano Riverso

30 marzo 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi