Sport

La Canottieri Gavirate 1960 torna da Sidney con ottimi risultati

La premiazione dell'otto maschile

La premiazione dell’otto maschile

“Goodbye Australia!” : è rientrata la squadra targata “Canottieri Gavirate 1960” dopo la partecipazione agli Australian Rowing Schools Championships che si sono svolti sulle acque del bacino olimpico di Penrith. I nostri 18 atleti “under 19” accompagnati da Paola Grizzetti (coach) e Marco Tomasello (consigliere) hanno gareggiato a bordo di due otto, uno maschile ed uno femminile, ottenendo degli ottimi risultati. L’otto femminile condotto da Veronica Calabrese, Denise Cavazzin, Ilaria Broggini, Sara Festa, Federica Cesarini, Arianna Bini, Giada Bollini, Magda Rovei e Camilla Contini (tim.) si è classificato al sesto posto in finale A.

Medaglia di bronzo invece per l’equipaggio maschile formato da Giacomo Broglio, Elia Brunelli, Christian Biolcati, Marco Lami, Marco Ossola, Matteo Sturaro, Giacomo Petenatti, Massimo Schwartz e Yuri Corritore (tim.), che si è classificato al terzo posto a soli due secondi dall’armo dello Scotch College vincitore della competizione. Curiosa la coincidenza: 13 anni dopo, 9 atleti allenati da Giovanni Calabrese hanno ottenuto la medaglia di bronzo nello stesso bacino in cui il loro coach aveva conquistato il terzo posto alle Olimpiadi di Sydney 2000.

Risultati molto importanti e degni di nota, soprattutto se si considera che a questo evento hanno partecipato numerosissimi atleti appartenenti a College australiani e soltanto una minima parte delle imbarcazioni (tra cui le nostre) si sono guadagnate l’accesso alla finale.

Ricordiamo che il canottaggio “under 19” in Australia è svolto unicamente dai College, e non dai club, in quanto gli studenti nel loro percorso formativo, devono scegliere necessariamente uno sport da praticare.

Al di là del risultato sportivo, la trasferta in generale è stata molto emozionante per tutti i nostri ragazzi. Durante la permanenza il nostro team ha avuto modo di visitare Sydney, di prendere un battello all’interno del porto della città e di entrare in uno zoo per rendersi conto della diversità della vita animale presente in quel continente.

“Questa esperienza è stata fantastica, credo sia uno dei ricordi che mi rimarranno per tutta la vita, spero magari di ripeterla nei prossimi anni” ci conferma Giacomo Broglio anche a nome degli altri componenti della spedizione che prosegue, “l’atmosfera del campo era tipica dei grandi eventi: ad ogni respiro sentivi la pressione della storia delle Olimpiadi. Inoltre mi ha sorpreso il clima di sportività e curiosità che ci circondava, sembravamo delle vere e proprie star dato che ognuno aspettava solo il momento di salutarci”. La pensa allo stesso modo anche Camilla Contini portavoce dell’equipaggio femminile che ha affermato: “la trasferta è stata veramente entusiasmante: l’Australia è favolosa, clima molto caldo e paesaggio mozzafiato. La gara è andata molto bene, quindi è una trasferta sicuramente da ricordare e possibilmente da rifare”.

“Il nostro è stato un saluto portafortuna – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Varese e dell’Agenzia del turismo Dario Galli – a tutti i giovani atleti che hanno vogato a Sidney faccio i miei più sinceri complimenti, sia per i risultati sportivi di grande prestigio, sia per lo spirto con cui hanno affrontato questa avventura. E’ una soddisfazione per noi avere dei giovani che amano lo sport e sono orgogliosi di competere con i colori della nostra provincia. Saper di aver dato un tocco di “varesinità” in Australia, una terra che ben conosce le nostra realtà e che per i rapporti costruiti possiamo definire molto più vicina di quanto dicano le distanze chilometriche, ci rende particolarmente orgogliosi e conferma che gli sforzi fatti per contribuire a far crescere il già eccellente livello del nostro canottaggio, non sono stati compiuti inutilmente”.

“Ho seguito quanto avveniva a Sidney tramite internet e devo dire che l’emozione è stata davvero grande – dichiara il Direttore dell’Agenzia del turismo Paola Della Chiesa – i nostri ragazzi tornano con risultati di prestigio e con una medaglia che va ad arricchire il palmares della canottieri Gavirate. Vedere filar via sull’acque le nostre imbarcazioni firmate Varese land of tourism e pensare che in quei momenti stavano gareggiando nell’altro emisfero è stato bellissimo. Ma anche la testimonianza di come si possa portare il nome della nostra terra in giro per il mondo e al contempo trasmettere del nostro paese un’immagine di gioia, competizione e amore per lo sport. Bravi ai nostri giovani atleti e ancora complimenti”.

27 marzo 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi