Gavirate

La protesta al Classico di Gavirate: vogliamo la quarta ginnasio

scuolaDomani è in programma un incontro tra il provveditore agli studi e un gruppo di diciotto famiglie che giovedi’ scorso ha ricevuto la notizia della mancata concessione della classe quarta ginnasio presso il Liceo Stein di Gavirate.

Come dicono i genitori, “la dirigente, prof.sa Franz, incontrandoci stamattina, ci ha spiegato le motivazioni “numeriche” dell’USP, che non ha saputo venire incontro alle richieste e alla scelta dei nostri figli. E’ vero che la contrazione di iscrizioni del liceo classico e’ un dato nazionale, ma una realta’ come quella di Gavirate, che ha sempre saputo offrire qualita’ didattica ed attenzione educativa non puo’ certo passare in secondo piano”.

Continuano i genitori della mancata IV ginnasio del Liceo Classico E. Stein: “Diciotto studenti possono apparire un numero esiguo, ma il bacino d’utenza dello Stein non e’ certo cosi’ ampio come quello su cui puo’ far conto il liceo Cairoli di Varese, e per questo la scelta che abbiamo ponderato per i nostri figli acquista un’ importanza e una rilevanza maggiori”.

“Le nostre ragioni nello scegliere il liceo Stein – rimarcano i genitori – sono state tante e varie, e vanno dal piano dell’offerta formativa, alla qualita’ e la serieta’ del cpo docente, all’ambiente scolastico vitale ed attivo, al carattere internazionale che offre la partecipazione ai progetti Comenius, alla capacita’ di creare un rapporto educativo attento alle relazioni con le famiglie e gli studenti stessi, insomma ottime ragioni per assicurare il diritto allo studio nonche’ il buon proseguimento degli studi dei nostri figli e il conseguimento del loro successo formativo e di crescita personale”.

L’incontro con il dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale è stato sollecitato “perche’ possa rivedere le sue decisioni e possa venirci incontro, anche per mantenere e garantire una specificita’ qualificata come quella della sezione di liceo classico a Gavirate”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

25 marzo 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi