Varese

Piove su Varese. La Passione di Cristo ai Giardini slitta al 7 aprile

 

La rappresentazione dell'Ultima Cena sul sagrato di San Vittore

La rappresentazione dell’Ultima Cena sul sagrato di San Vittore

Nulla si è potuto fare contro la pioggia che cade ininterrottamente da ieri su Varese. E così la prevista “Passione di Cristo”, in programma per oggi domenica 24 marzo alle ore 15 nella location dei Giardini Estensi di Varese, è dovuta slittare a domenica 7 aprile, alla stessa ora, sempre ai Giardini Estensi. Una proposta organizzata dalla Basilica di San Vittore – Comunità pastorale di S. Antonio Abate.

Una decisione presa nelle prime ore di questa mattina dai responsabili dell’associazione azzatese “Non solo teatro della Valbossa”, che hanno effettuato un sopralluogo ai Giardini, di concerto con le Guardie Ecologiche Volontarie.

Dopo la sacra rappresentazione dell’Ultima Cena, che si è svolta, davanti a circa 200 persone, sul sagrato della basilica varesina, la Passione era il momento più atteso per quanto riguarda gli eventi ricordati nella Settimana Santa. Ma già al momento della presentazione dello spettacolo sacro in due tappe, gli organizzatori già esprimevano qualche timore circa il meteo.

24 marzo 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti a “Piove su Varese. La Passione di Cristo ai Giardini slitta al 7 aprile

  1. ombretta diaferia il 24 marzo 2013, ore 18:07

    Miracolo a Varese:la passione dopo Pasqua!
    E’ propri un anno incredibile…

  2. Roy1 il 24 marzo 2013, ore 22:42

    Ombretta, abbi pazienza … tirandola un po’ in lungo si rappresenterà insieme al Presepe vivente

  3. Roberta il 25 marzo 2013, ore 01:09

    Non sono decisioni facili da prendere, dopo mesi di lavoro per mettere in piedi un evento così! Un plauso agli organizzatori, che alle undici avevano già smontato tutto e avvisato duecento persone, tra cui la sottoscritta!
    Spero proprio che si possa fare, anche se dopo Pasqua. Per chi ci crede, la data è irrilevante!

  4. ombretta diaferia il 25 marzo 2013, ore 06:57

    era proprio dove volevo arrivare: tre giorni per morire e nascere… o nascere e morire.
    perché la “rinascita” non è più annoverata dal nostro vocabolario…

Rispondi