Luino

Cartellone centenario di Piero Chiara, sono in arrivo 60 mila euro

L'attrice Sarah Maestri, curatrice del progetto sui 100 anni della nascita di Chiara

L’attrice Sarah Maestri, curatrice del progetto sui 100 anni della nascita di Chiara

Presentata a Villa Recalcati il cartellone “100 Anni D’Autore. Avvicinandoci al Cinema”, un progetto promosso dalla Provincia di Varese per il centenario della nascita di Piero Chiara. Una serie di eventi che si protrarrà fino al prossimo settembre presentati ieri dall’attrice Sarah Maestri, che sta lavorando ad una pellicola tratta da “Il Pretore di Cuvio” di Chiara e che di questo progetto di eventi ed incontri è la curatrice. Qui però, come fanno notare gli enti che hanno erogato fondi, non si tratta del film, ma di eventi collaterali programmati in larga parte a Luino per il centenario.

A fare gli onori di casa il neoconsigliere regionale Pdl Luca Marsico, che ha lanciato l’iniziativa. Un’iniziativa, a dire il vero, che ottiene la sua forza principale dal un mega-finanziamento di Fondazione Cariplo, come ha spiegato ieri Giorgio Gaspari, che ha rimarcato come il bando lo abbia vinto la Provincia di Varese, che erano arrivate alla Fondazione 60 domande e che 17 siano state finanziate, 3 delle quali sul nostro territorio provinciale. Al cartellone di eventi dedicati a Chiara la Fondazione Cariplo ha erogato un contributo di 45 mila euro. Allo stesso progetto, come ha spiegato ieri l’assessore a Marketing e Commercio del Comune di Varese, Sergio Ghiringhelli, Palazzo Estense ha contribuito al progetto - che prevede alcune “tappe” a Varese – con 15 mila euro.

Una bella somma, insomma, per un cartellone di eventi che sono sostanzialmente ubicati a Luino, e che a volte riguardano la pellicola della Maestri, la cui lavorazione avrebbe doveva partire, come lei stessa ha ricordato, il 2 aprile, ma che per ora sembra incontrare qualche difficoltà in più rispetto al previsto. “I sogni non hanno la stessa velocità della burocrazia”, dice lei con un sorriso. Aggiungendo: “Comunque il mio film non ha ricevuto un solo euro dagli enti locali”. Una pellicola di cui sarebbero già stati eseguiti i sopralluoghi, ma che ancora non parte. Tra l’altro, ieri, in conferenza stampa, si è appreso che al momento non c’è neppure una convenzione tra la casa di produzione e il Comune di Luino per girare il film. Particolari non irrilevanti, dato che il cartellone finanziato poggia sulla concreta realizzazione della pellicola.

In cartellone troviamo una mostra fotografica dedicata a Chiara con gli “scatti” di Enrico Lamberti (domani 23 marzo l’inaugurazione, alle 21, presso la Stazione ferroviaria di Luino), una serie di quattro incontri che partono sempre domani e sempre alla stazione, un incontro con i protagonisti della pellicola della Maestri (si svolgerà a Varese, ma data e luogo sono da definire), e poi una Scuola di Cinema, che si è già tenuta il 4, il 5, e l’11 marzo presso l’Agenzia Formativa di Varese e di Luino, e che prevede a fine aprile dei laboratori relativi a produzione, trucco e acconciatura, scenografia, trucco e parrucco.

Ancora, nel cartellone, sono previsti casting a Palazzo Verbania a Luino diretti da Ettore Imparato, regista e sceneggiatore (il casting si svolge dal 14 febbraio al 24 aprile), una giornata dal titolo “Un viaggio da ricordare” (nel maggio 2013), al quale parteciperanno 100 persone tra coloro che sono stati selezionati dal casting, che parteciperanno all’iniziativa triccate e vestite anni Trenta. E poi lezioni sul set del film a Villa Hussy a Luino e a “Villa in Varese” (come si legge nel programma). Ultime iniziative: la partecipazione ad un documentario che sarà realizzato sui set del film ed infine, questo a Varese, il lancio del film. Anche in questo caso si è stati forse un po’ frettolosi a segnare la data (settembre 2013). Resta inteso, comunque, che la sede deve essere ancora definita.

22 marzo 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Cartellone centenario di Piero Chiara, sono in arrivo 60 mila euro

  1. Giovanni S. il 22 marzo 2013, ore 09:39

    visti i tagli dolorosi ai servizi sociali, alla cultura, educazione VOGLIAMO SAPERE COSA VERRA’ FATTO CON 15.000 A VARESE. NON E’ POSSIBILE BUTTARE 15.000 DICENDO CHE SI FARANNO EVENTI IN VARESE…

Rispondi