Laveno

Laveno, taglio del nastro per lo Iat alla stazione delle Nord

trenord-trenoIl polo di informazioni turistiche IAT della stazione di Laveno Mombello diventa realtà. La struttura è stata inaugurata oggi pomeriggio, alla presenza del primo cittadino di Laveno Mombello, Graziella Giacon, del presidente Ferrovienord, Carlo Malugani e dell’assessore comunale al Turismo e allo Sport, Roberto Bianchi.

Il rilancio ricettivo e turistico della stazione di Laveno Mombello rappresenta uno dei progetti pilota nell’ambito del piano “Stazione in Comune” che Ferrovie Nord ha avviato, insieme a Regione Lombardia, per un riutilizzo funzionale di spazi non più impiegati per il normale esercizio ferroviario. In sostanza le infrastrutture interessate vengono cedute in comodato d’uso ai Comuni con l’obiettivo di fare della stazione un luogo vissuto e d’interesse allargato.

Quello adottato per il recupero dei locali della stazione di Laveno Mombello è un modello che Ferrovienord è pronta a replicare in tutti gli altri siti individuati per la proposta di partnership di rilancio. Nell’ambito del censimento che la società ha recentemente avviato sulle le strutture selezionate sono state complessivamente 84 dislocate su 67 comuni, di cui 56 sul ramo Milano e 28 su quello di Iseo.

Quanto agli spazi nell’area ferroviaria di Laveno Mombello, vedranno la nascita di una struttura polifunzionale in grado di soddisfare ad ampio raggio tutte le esigenze informative degli utenti oltre che di proporsi come vetrina turistica della Comunità Montana Valli del Verbano-Nord Ovest della provincia di Varese.

All’interno di strutture, interamente ammodernate ed attrezzate, sono stati allestiti gli sportelli informativi che forniranno assistenza e accompagnamento ai viaggiatori. Nelle adiacenze dello IAT sarà inoltre operativo un centro espositivo per la promozione delle principali tipicità del territorio, che spaziano dall’agroalimentare all’artigianato di qualità con in testa le ceramiche.

In stazione saranno inoltre sperimentate delle formule di servizio innovative: dal wi-fi, operativo 24 ore su 24, al progetto BookCrossing, una vera e propria rete di condivisione della conoscenza che prevede un punto di raccolta di libri, che saranno messi a disposizione dei viaggiatori.

“Sinergie territoriali, competenze avanzate e modelli di fruizione vincenti – dichiara il presidente di Ferrovienord Carlo Malugani – hanno consentito di far decollare un progetto che accentra tutti i principali servizi informativi ma anche quelli di biglietteria e prenotazione alberghiera. Quello della stazione di Laveno Mombello per Ferrovienord rappresenta un laboratorio importante per la qualificazione delle stazioni ferroviarie del progetto “Stazione in Comune”. Un’idea che si basa sulla capacità di fare sistema con le istituzioni locali in un’ottica di collaborazione che se da una parte consente un miglioramento dell’offerta dei servizi, dall’altro contribuisce alla promozione del territorio e al suo sviluppo economico”

Un sogno che diventa realtà: – dichiara il Sindaco di Laveno Mombello Graziella Giacon – abbiamo realizzato in una posizione strategica nel cuore del Comune di Laveno M., baricentro di un territorio che abbraccia tutta l’area rivierasca del Lago Maggiore, un unico punto che risponda a diverse richieste: quelle del cittadino, del turista e del viaggiatore che potranno accedere a tutti i servizi di accoglienza, informazione, assistenza; quelle del territorio per uno sviluppo socio economico e quelle di turismo sportivo con straordinarie opportunità.E tutto ciò è stato possibile grazie all’accordo con Ferrovienord che, fornendoci gli spazi all’interno della stazione, ci ha dato la possibilità di migliorare sicuramente la qualità dei servizi offerti ai cittadini.

 

21 marzo 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi