Varese

Ritornano i “tortelli di San Giuseppe” per la festa del 19 marzo

Il Comitato promotore con al centro Bifulco

Il Comitato promotore con al centro Bifulco

Ancora una volta a Varese si festeggerà con una serie di proposte e di iniziative la Festa di San Giuseppe, un momento che sarà celebrato lunedi 18 e martedì 19 marzo. Una manifestazione che è stata lanciata questa mattina, a nome del dinamico Comitato promotore, dal Cavaliere Vincenzo Bifulco, che del Comitato è presidente, circondato da altri esponenti come Angelo Monti, Angelo Antonetti, Ninì Della Misericordia, Enrico Colombo, Giuseppe Di Cerbo.

Momento molto atteso della festa, che ha innanzitutto un significato religioso, la distribuzione dei “tortelli di San Giuseppe”, cucinati dal gallaratese Giuseppe Ravizzoli, che saranno proposti al banco gastronomico davanti alla chiesetta di San Giuseppe. “Il ricavato – ha spiegato Bifulco – sarà consegnato alla parrocchia di San Vittore, che penserà a come utilizzarlo a beneficio degli ultimi”. Non solo: saranno messi in vendita anche sacchetti di limoni, il cui ricavato andrà alle opere missionarie Don Vittorio Pastori, il famoso “Vittorione”.

Un altro momento fondamentale sarà quello organizzato in una chiesa vicina, la chiesa di Sant’Antonio alla Motta, dove, lunedì 18 marzo, alle ore 21, sarà proposto il filmato sull’interessante incontro tra il filosofo Massimo Cacciari e l’arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola, che si è tenuto al Teatro Apollonio. Una iniziativa, come ha rivelato Antonetti, “che nasce da un impegno che abbiamo preso con lo stesso cardinale che, vista la tanta gente rimasta fuori dal teatro quella sera, ci aveva sollecitato ad organizzare la possibilità di fare seguire l’incontro a chi era stato escluso. Un impegno che assolviamo con questo incontro”.

Tra le iniziative ormai entrate nella tradizione varesina, anche la consegna, alle ore 12 del 19 marzo, davanti alla chiesa di San Giuseppe, di un attestato di riconoscenza sottoscritto dal prevosto monsignor Donnini e dal sindaco Fontana. Un attestato che quest’anno sarà consegnato alle “Serve di Gesù Cristo”, che dal 2008 consentono di tenere aperta la chiesa di San Giuseppe. Un benaugurale volo di colombe saluterà questo momento. Bifulco ipotizza anche un’iniziativa per celebrare il nuovo pontefice Francesco I.

Non mancherà infine un momento musicale, che vedrà coinvolto il quartetto “Quattro quarti”, giovani musicisti da camera che proporranno sei brani musicali, alle ore 16 del 19 marzo, in San Giuseppe: potremo ascoltare Pachelbel, Haydn, Dvorak, due brani di Mozart, Elgar e, per finire, Johann Strauss.

Ma ecco il programma completo della festa:

Lunedi 18 marzo

Ore 12,00 – Apertura banco gastronomico “tortelli di S. Giuseppe” e offerta di limoni a favore opere missionarie di Don Vittorio Pastori

ore 17,30 – Vesperi solenni

ore 21,00 – Presso la chiesa di Sant’Antonio alla Motta proiezione del filmato sull’incontro tra il Card. Angelo Scola ed il Prof. Massimo Cacciari, sul tema “ragioni della fede, svoltosi in Varese presso il teatro “Apollonio” il 6 febbrario u.s.

 

Martedi 19 marzo

Ore 7,30 – S. Messa e benedizione delle candele

Ore 9,00 – S. Messa

Ore 9,30 – Apertura mercatino di S. Giuseppe e “Offerta limoni”

Ore 10,00 – Apertura banco gastronomico “tortelli di S. Giuseppe”

Ore 11,00 – Santa Messa solenne celebrata dal Prevosto Mons. Gilberto Donnini, con accompagnamento musicale del Coro “Il Grappolo”

Ore 12,00 – Consegna “Attestato di gratitudine S. Giuseppe” con lancio colombe

Ore 16,00 – Concerto musica classica – “Quartetto Quattro Quarti”

Ore 17,30 – Vesperi solenni

Ore 18,00 – S. Messa solenne celebrata dal Vicario Episcopale Mons. Franco Agnesi, con invito particolare agli artigiani

Ore 19,00 – Chiusura banco gastronomico e mercatino di S. Giuseppe”

14 marzo 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi