Varese

Carovana dei versi riconquista Varese. E’ la Giornata Unesco della poesia

La Dama della poesia, la mitica Chiara Daino, a Milano, davanti al Piccolo Teatro

La Dama della poesia, la mitica Chiara Daino, a Milano, davanti al Piccolo Teatro

Un appuntamento che, per chi ama la poesia, è ogni anno un’occasione imperdibile. Un’occasione che nel tempo, da ormai nove edizioni, contribuisce in maniera originale e creativa a celebrare la Giornata mondiale della poesia, promossa dall’Unesco, ogni anno, il 21 marzo, in tutto il mondo. E che, grazie a questo benefico progetto, raggiunge e vivifica anche la città giardino.

E così accadrà, ancora una volta, grazie all’iniziativa di abrigliasciolta con la performAzione 2013 e la nascita del volume omonimo. Come dice Ombretta Diaferia, che del progetto, insieme ad Alessandro Gianni, è ideatrice e organizzatrice, “il progetto “carovana dei versi – poesia in azione”, che giunge alla vigilia della nona edizione, incana tutto il disegno abrigliasciolta”. Il progetto, continua la Diaferia, “è nato con un obiettivo virale: contaminare con la forma in versi la quotidianità, la vita scandita dai ritmi della città. E lo fa anche nella scelta dei “palchi”, selezionati sempre come luogo aperto all’ospitalità quotidiana: scuole, carcere, biblioteche, cinema, teatri, mezzi ed uffici pubblici, mercati e supermercati, centri sociali e concerti, musei e gallerie d’arte, luoghi di aggregazione e d’intrattenimento”.

La perfomance itinerante e corale della carovana dei versi per il nono anno mobiliterà tredici autori a Varese: Ada Crippa, Alejandro Lòpez-Luna Delgado, Alessio Magnani, Anna Mosca, Antonella Visconti, Chiara Daino, Gerardo De Stefano, Giulio Viano, Heiko H. Caimi, Marco Tavazzi, Massimo Barbaro, Michele Forzinetti e Sandro Sardella, accompagnati dalla stessa Diaferia,direttore artistico ed editoriale del progetto.

Il 21 marzo, Giornata mondiale della poesia targata Unesco,  i tredici “carovanieri della poesia contemporanea” porteranno i propri versi originali invadendo la quotidianità del Liceo Magistrale e psicopedagogico A. Manzoni, della Casa Circondariale Miogni, della stazione delle Ferrovie dello Stato. Un itinerario collettivo che a Varese si concluderà, meta finale di questi laicissimi “clerici vagantes” della cultura e della poesia, al Twiggy Café, incrociando e intercettando un’altra eccellenza varesina, il festival cinematografico dei Cortisonici. I poeti della carovana parteciperanno, con le loro voci e i loro versi, ai leggendari “effetti collaterali” del festival. E, c’è da credere, la carovana lascerà dietro di sè, al Twiggy, un segno del suo passaggio.

Infine la produzione editoriale abrigliasciolta dal 21 marzo presenterà nelle librerie la forma gutemberghiana della “carovana dei versi – poesia in azione” con l’annuale e certosino lavoro degli artigiani della poesia in azione. Un aureo volumetto più ricco e vivace che mai.

11 marzo 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi