Varese

Al Santuccio “Padroni delle nostre vite”, una storia anti-mafia

Un imtenso momento dello spettacolo

Un imtenso momento dello spettacolo

Una proposta teatrale inedita e di grende interesse, quella che stasera sabato 23 febbraio, alle ore 21.15, sarà offerta al Teatrino Santuccio di Varese. Il titolo della piéce, di forte impatto, è “Padroni delle nostre vite”, una produzione SciaraProgetti in collaborazione con lo Studio Nois, che racconta la storia di Pino e Marina Masciari, con Ture Magro.

Uno spettacolo che è stato possibile grazie all’impegno dell’associazione culturale GirinArte in collaborazione con Splendor del Vero, e con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Varese, il sostegno della Fondazione Comunitaria del Varesotto, la partecipazione del Centro Gulliver.

Lo spettacolo è multimediale, con tre maxi schermi, un attore in scena, il bravo Ture Magro, e dieci attori virtuali. Narra della storia di Pino Masciari, imprenditore minacciato e colpito da “‘ndrangheta” e politici, che alla fine decide di denunciare i suoi estorsori. Chiude la sua azienda e con la sua famiglia abbandona la sua terra. Entra poi nel programma spoeciale di protezione italiano riservato ai testimoni di giustizia nel ’97. Uno spettacolo coraggioso che fotografa i metodi della criminalità organizzata e che propone un’Italia che alza la testa e dice basta.

Il biglietto per lo spettacolo è di 10 euro.

23 febbraio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi