Economia

Finmeccanica, Fim-Cisl Varese: salvaguardare impresa e lavoratori

operai_in_fabbrica_1Sugli arresti che hanno colpitro i vertici di Finmeccanica e di Agusta Westland interviene Paolo Carini, resposabile Settore Aeronautico Segreteria Fim-Cisl di Varese: “Esprimiamo profonda preoccupazione per quanto sta accadendo in queste ore ai vertici di Finmeccanica e in particolare a quelli di AgustaWestland”.

“Senza giudicare l’operato della magistratura, che va sempre rispettato – dichiara Carini - chiediamo che al più presto vi siano scelte che garantiscano la continuità “operativa” di questa azienda e del Gruppo Finmeccanica, bisogna ridare una guida a questo Gruppo industriale, magari privilegiando scelte interne al Gruppo, affinchè non si disperda l’altissimo valore umano, industriale, tecnologico che è presente in questo territorio”.

Continua la Fim Cisl varesina: “Nella Provincia di Varese sono presenti ben 4 dei 9 stabilimenti del Gruppo Agusta Westland. E’ una grande risorsa industriale per tutta la Provincia e per tutto il paese, vi lavorano più di 3000 dipendenti e con l’indotto aeronautico il numero degli addetti arriva a superare abbondantemente i 5.000 dipendenti. Non si può e non si deve perdere tempo, la magistratura faccia il suo lavoro presto e bene, e chi ha la titolarità di decidere il destino di questo grande Gruppo Industriale lo faccia subito, non ci si può permettere di lasciare Agusta Westland e Finmeccanica, con i suoi dipendenti, in balia delle onde di questa tempesta giudiziaria”.

12 febbraio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi