Economia

Arrestato Orsi presidente Finmeccanica. Perquisizioni nel Varesotto

L'ad Orsi

L’ad Orsi

Arrestato il presidente di Finmeccanica Giuseppe Orsi. L’accusa è pesante: corruzione internazionale, peculato e concussione. Un’ordinanza che è stata firmata dal gip di Busto Arsizio ed eseguita dai Carabinieri. Ai domiciliari l’amministratore di Agusta Westland Bruno Spagnolini. Insieme a Orsi arrestati anche due cittadini svizzeri, Guido Haschke e il suo socio Carlo Gerosa, che intermediarono nell’affare con Finmeccanica. Per questi ultimi due sarà necessario avviare le pratiche di estradizione, vista la residenza in Svizzera. Secondo l’accusa, per la vendita di 12 elicotteri al governo indiano fu pagata una tangente da 51 milioni di euro.

In una nota l’azienda ha confermato “l’ordinata prosecuzione dell’attività gestionale e il proseguimento delle iniziative in corso”. Da Finmeccanica è arrivata anche “solidarietà al proprio presidente e ad, con l’auspicio che venga fatta chiarezza in tempi brevi, ribadendo fiducia nell’operato della magistratura”.

Le ordinanze di arresto in carcere e ai domiciliari sono state richieste dal Pm Eugenio Fusco, titolare dell’inchiesta, ed eseguite dai Carabinieri del Noe. Sono in corso perquisizioni nella sede di Agusta Westland, nella sede di Cascina Costa di Samarate (Varese) e in diverse altre filiali. Le perquisizioni hanno riguardato anche la casa dell’amministratore delegato e presidente Orsi, a Sesto Calende, nel Varesotto. Secondo quanto si è appreso – infine – anche altre sedi di Roma e Milano sono state oggetto di visita da parte dei Carabinieri, che in particolare stanno operando negli uffici milanesi di Finmeccanica.

 

12 febbraio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi