Roma

Un Papa Nero successore di Ratzinger? Tormentone Web

imagesDopo le dimissioni annunciate dal Pontefice questa mattina, è scattata la corsa per capire chi possa essere il successore di Benedetto XVI, che con un atto senza precedenti (tranne nel caso, molto simile al nostro, di Papa Celestino V) sceglie di farsi da parte fissando una data e un’ora precise. Una scelta suggestiva ed inquietante.

Sul Web la notizia delle dimissioni volontarie del Pontefice ha occupato titoli, articoli, interviste, commenti. Ma tra i temi che vengono agitati maggiormente, a proposito di successori, il tema del Papa Nero. In un articolo-intervista pubblicato da Sussidiario.net (www.ilsussidiario.net), che ha interpellato lo studioso Maurizio Blondet, si legge che – a proposito di profezie millenaristiche – qualcuno ha identificato l’ultimo Papa in Benedetto XVI, prima dell’avvento di un Papa Nero, che tuttavia potrebbe essere lo stesso Ratzinger, dato che “nel suo stemma pontificio è raffigurato un re di colore”.

Ma al di là delle profezie, ci sono coloro che, nel mondo del Web, fanno ipotesi più legate alla realtà: come nel caso del sito conservatore americano Drudge Report, che parla del Cardinale Peter Kodwo Appiah, poresule ghanese presidente del Consiglio Pontificio per la Giustizia e la Pace. che potrebbe essere un Papa Nero.

E si potrebbe, con un pizzico di ironia, ricordare che a Sanremo (correva l’anno 1997) il mitico gruppo veneziano Pitura Freska cantava spensierato un simpatico brano dal titolo “Papa Nero”. Ma niente da fare per il reggae dei ragazzi della Laguna: la vittoria andò ai Jalisse, meteora nel mondo della musica italiana.

 

11 febbraio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi