Venegono Superiore

Venegono Superiore, in frantumi centrodestra del sindaco Brianza

L'ex sindaco Francesca Brianza

L’ex sindaco Francesca Brianza

Sei consiglieri Pdl del Comune di Venegono Superiore hanno rassegnato le dimissioni, unitamente ad altri consiglieri dell’opposizione, un gesto che determinerà lo scioglimento del Consiglio comunale di Venegono Superiore guidato dal sindaco del Carroccio Francesca Brianza, che è anche candidato leghista alle elezioni regionali lombarde.

Va all’attacco Lara Comi, coordinatore provinciale del Pdl di Varese: “E’ una scelta che li pone fuori dal partito. Verso di loro verranno avviate automaticamente le consuete procedure disciplinari e saranno i probiviri a decidere su quel comportamento”. “Con la Lega – spiega Comi – governiamo insieme il Comune di Venegono Superiore. I problemi che i consiglieri del Pdl hanno espresso, a giustificazione delle loro dimissioni, erano assolutamente superabili e localistici. Con loro erano stati fatti una serie di incontri, anche insieme alla Lega  a livello provinciale, per chiarire tutte le questioni che erano state analizzate con attenzione. I consiglieri erano stati pertanto caldamente invitati a desistere dalla loro decisione, che invece è stata attuata, e che il direttivo non ha assolutamente condiviso”.

“Lo scioglimento del Consiglio – sottolinea Comi – porterà alle elezioni comunali con un anno di anticipo. Una scelta scellerata, considerando che è stata fatta a pochi giorni da un voto fondamentale come quella per la Regione Lombardia che è decisivo anche sul piano nazionale. Un gesto delle cui conseguenze ognuno si assumerà le proprie responsabilità”.

Reagisce con forza anche Matteo Bianchi, segretario provinciale della Lega Nord di Varese: un atto di irresponsabilità politica dettato da “personalismo e logiche di cadreghe che nulla hanno a che fare con la buona amministrazione”, commenta Bianchi. “Con il Pdl siamo alleati nel Comune di Venegono Superiore e continueremo a farlo nonostante ripicche di pochi che hanno guardato più all’interesse personale che al bene del paese – continua Bianchi -. Il 26 maggio si tornerà al voto con la solida alleanza Lega-Pdl fatta di persone preparate e con a cuore Venegono Superiore, nonostante le dimissioni di chi ammicca e agisce sulla falsariga dell’asse montiano-bersaniano. Servono persone che facciano meno chiacchiere e lavorino di più”.

8 febbraio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi