Varese

Torre Civica, via all’intervento. Ma l’ingresso va ripulito subito

bandiera_6845Semaforo verde, da parte del Comune, per la riqualificazione della Torre Civica di piazza Monte Grappa. Coinvolti nel progetto un gruppo di lavoro formato da studenti e l’Ordine degli Architetti. L’intenzione è quella di coinvolgere operatori commerciali e sponsor per procedere nell’intervento. L’annuncio è del vicesindaco Carlo Baroni ha spiegato il passaggio in giunta del progetto per portare alla riapertura e fruibilità della Torre civica.

L’Ordine degli Architetti di Varese nel suo 50° di fondazione ha promosso sul territorio eventi riferiti alla valorizzazione delle tematiche architettoniche di paesaggio ed ambientale. Una particolare attenzione e stata rivolta alla città di Varese con la sua storia e tradizione. In questo contesto è stata manifestata la disponibilità a collaborare con l’ amministrazione comunale per una pianificazione di interventi ed eventi sulla torre.

“Alcune ipotesi sono già state formulate – ha precisato il vicesindaco – in particolare dal gruppo di lavoro coordinato dall’architetto Elena Brusa Pasque e dall’ ing. Riccardo Aceti che ha già consegnato un progetto di fattibilità ed una relazione tecnico- illustrativa”.

L’obiettivo è la ristrutturazione, mantenendo la parte esterna, in buono stato conservativo, con l’apertura al pubblico dei livelli interni. Ai piani verrebbero affidate varie destinazioni d’uso, da spazi espositivi fino ad un bar con terrazza panoramica in sommità”. Nell’ipotesi di realizzazione i costi dell’intervento sono stati stimati in circa 800 mila euro.

Bene il progetto, ma nel frattempo un piccolo consiglio: in attesa di realizzare l’intervento di rilancio, sarebbe il caso che il Comune ripulisse lo spazio all’ingresso della Torre, che da tempo si trova in uno stato di degrado e di sporcizia intollerabili. A partire dalla risistemazione della vetrinetta con i vetri spaccati. Un intervento di manutenzione ordinaria che molte zone del centro storico invocano da tempo.

 

 

 

5 febbraio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi