Varese

Taricco (Pd) ripulisce il Pirellone regalando spugne ai pendolari

Da sinistra Taricco, Francesco De Palo, Pietro De Bartolo

Da sinistra Taricco, Francesco De Palo, Pietro De Bartolo

Tante spugnette sono state distribuite, questa mattina, a partire dalle 7.30, ai pendolari in partenza o in arrivo alla Stazione dello Stato di Varese. Spugnette che, come sostiene il candidato Pd al Pirellone, Fabrizio Taricco, “hanno il significato simbolico di fare pulizia di ciò che è accaduto in una Regione spazzata via dagli scandali giudiziari”. Un’iniziativa originale, dal titolo “Dalla parte dei pendolari e dei ferrovieri”, che i pendolari frettolosi guardano con stupore e simpatia. “Dato che le scope della Lega non hanno funzionato – aggiunge Taricco -, ci proviamo noi con queste spugnette”. Accanto a Taricco due ferrovieri: Francesco De Palo, segretario del circolo Pd dei ferrovieri, e Pietro De Bartolo, componente del direttivo dello stesso circolo. Domani mercoledì 6 febbraio, a partire dalle 9.45, l’iniziativa che si è tenuta a Varese si ripeterà davanti alla stazione Rfi di Gallarate.

Tra gli obiettivi del candidato regionale del Pd e segretario provinciale del partito, quello di “mettere ordine nel servizio ferroviario. Parlando con i ferrovieri, ho capito che l’incorporazione tra Fs e Le Nord nella società Trenord, non ha portato alcun beneficio, come hanno dimostrato i problemi che ricordiamo essere accaduti a dicembre con l’introduzione dei nuovi orari e con il nuovo contratto aziendale tra lavoratori e società”. Taricco non dimentica il cambio della guardia al vertice di Trenord: “Il nuovo amministratore è competente e in gamba, ma bisogna fare di più grazie all’ingresso di un nuovo management”.

Molte le proposte che fa Taricco davanti alla stazione varesina. ”E’ necessario – dice Taricco – avviare da subito un serrato confronto tra azienda e tutti i sindacati per correggere, aggiornare, applicare il nuovo contratto aziendale e interrompere, così, la serie di scioperi (1 giorno al mese) che incidono sulla qualità del servizio  a danno soprattutto dei pendolari. Oltre ad attivare un confronto continuo tra Trenord e istituzioni del territorio per adeguare l’offerta di treni alla domanda che muta velocemente nelle varie aree della Regione (ad esempio organizzare dei treni straordinari in occasione di eventi quali il ferragosto di Laveno Mombello, la Stramilano, la Milano City Marathon, ecc.)”.

Non solo: per Taricco è necessario collegare Varese a Milano Centrale e Varese a Milano Greco Pirelli (all’università della Bicocca). “Questo – sottolinea il candidato Pd – può avvenire semplicemente prolungando di 5 minuti la corsa di alcuni dei treni che, adesso, ogni ora collegano Varese a Milano Porta Garibaldi. Costo di tale innovazione: zero euro!”. Poi si deve valorizzare la vocazione turistica del Varesotto: treni festivi attorno al Lago Maggiore (da Pino Tronzano a Verbania il Lago Maggiore è  percorribile in treno) e, d’estate.

Secondo Taricco va attivato “il collegamento ferroviario tra la stazione di Busto Arsizio RFI e quella di Castellanza. Il nuovo raccordo è ormai ultimato e si può da subito connettere la rete Rfi con quella delle Ferrovie Nord verso Castellanza, anche per istituire un nuovo servizio ferroviario, quello tra Gallarate e Saronno, oggi inesistente. E poi occorre sviluppare ed estendere la collaborazione con la svizzera SBB per ampliare gli  ottimi servizi di “Tilo” , quelli che oggi collegano Bellinzona a Malpensa, via Luino-Gallarate-Busto”.

Il segretario provinciale del Pd svela che uno dei temi suggeriti dai pendolari che ha incontrato quello ”dell’utilizzo dell’aspirapolvere nelle operazione di pulizia  a bordo dei treni, come ora avviene solo sui treni “Tilo” quando sostano a Malpensa”.

Tutte queste idee non vogliono attenuare l’importanza di altre proposte storicamente sostenute dal Pd: maggiori investimenti per nuovo materiale rotabile, realizzazione del 4° binario tra Gallarate e Rho, collegamento tra il Terminal 1 ed il 2 di Malpensa, potenziamento delle officine di manutenzione del materiale rotabile di Novate Milanese e di Milano Fiorenza.

5 febbraio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi