Varese

Da Varese importante contributo per conoscere la Shoah

La copertina del volume

La copertina del volume

C’è un interessante volume che racconta la tragedia della Shoah dal punto di vista dei testimoni oculari, sempre più rari e sempre più preziosi. E’ il caso dell’opera pubblicata dall’editore varesino Pietro Macchione, dal titolo “Non sono passata per il camino”, scritto dalla testimone Francine Christophe.

Nel luglio del 1942, quando aveva appena nove anni, Francine Christophe fu catturata assieme alla madre Marcelle, mentre tentava di raggiungerela Francia di Pétain per sfuggire alla caccia agli ebrei scatenata dai nazisti.

Ebbe così inizio un lungo peregrinare nei campi di internamento francesi che, nel maggio 1944, si concluse nel campo di sterminio di Bergen–Belsen in Germania, lo stesso dove si trovava Anna Frank, sino alle complesse fasi della liberazione effettuata dalle truppe inglesi e russe.

Francine Christophe è impegnata da anni, con libri e conferenze, a dare testimonianza della Shoah e delle terribili esperienze che hanno segnato la sua difficile infanzia. La sua è una delle più autorevoli e genuine voci della “memoria” del ventesimo secolo.

Info: 3385337641| macchione.pietro@alice.it | www.macchionepietroeditore.it

 

 

 

 

 

 

 

27 gennaio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti a “Da Varese importante contributo per conoscere la Shoah

  1. Andrea Bagaglio il 26 gennaio 2013, ore 18:41

    Importante è ricordare , ovunque e sempre , altrimenti si corre il rischio che avvenga ciò che paventava Primo Levi .” se si dimentica, a volte tornano “

  2. Giovanni Dotti il 27 gennaio 2013, ore 16:45

    Per non dimenticare, perche’ certe tragedie non abbiano piu’a ripetersi, per un futuro migliore per l’Umanita’. PENSACI UOMO !

  3. Anna Maria Bottelli il 27 gennaio 2013, ore 22:43

    Un uomo, una nazione senza MEMORIA sono un uomo, una nazione senza STORIA: ai giovani che non hanno per fortuna conosciuto terribili e angoscianti storie,si faccia periodicamente memoria di ciò che altri hanno tristemente vissuto.

Rispondi