Lettere

Disservizi e rimborsi, parlano i pendolari

Le ultime settimane hanno visto un susseguirsi di comunicazioni e pareri discordi sul tema dei bonus e dei rimborsi che Trenord erogherà a febbraio, a parziale risarcimento dei disagi subiti dai viaggiatori tra Dicembre e Gennaio. Unitamente, i rappresentanti dei Comitati Pendolari sotto riportati intendono fare alcune precisazioni.
Nei suoi comunicati e avvisi all’utenza, Trenord continua a sostenere che i disagi del mese scorso sono stati limitati alla settimana dal 9 al 15 dicembre. In realtà le cose non stanno così. I disagi sono continuati almeno fino a domenica 6 gennaio, a causa della decisione unilaterale di Trenord di tagliare molte corse su gran parte delle linee suburbane (S1, S3, S5, S6, S9, S10 e S13).
Su alcune di queste linee, i tagli hanno comportato una riduzione del 50% delle corse, andando ben oltre le normali riduzioni previste per le giornate festive. Ci sono stati tagli o sospensioni totali del servizio anche su alcune linee regionali, come la Milano-Varese-Laveno, la Milano-Como Lago, la Milano-Asso, la Carnate-Seregno e l’Albate-Chiasso.
L’effetto combinato di questi tagli e limitazioni di percorso è stato che città come Varese si sono ritrovate con buchi di tre ore nel collegamento con Milano, riportandoci alla preistoria del servizio regionale. Non essendo state concordate con la Regione Lombardia e tanto meno con i rappresentanti degli utenti, questi tagli si configurano come delle vere e proprie soppressioni, e come tali andranno considerati ai fini del calcolo delle penali alla Regione e del bonus di gennaio agli utenti (da corrispondere nel mese di aprile).
A smentita di alcune notizie apparse sulla stampa e sul web, precisiamo inoltre che tutte le decisioni sull’entità e modalità di erogazione di bonus e rimborsi agli utenti, oltre a quanto già previsto dal contratto di servizio con Regione Lombardia, sono state prese in piena autonomia da Trenord. La riunione di venerdì 11 gennaio tra la dirigenza di Trenord e i rappresentanti dei viaggiatori all’interno della Conferenza Regionale del TPL (CRTPL), estesa poi ai rappresentanti degli altri comitati pendolari della Lombardia, ha avuto carattere puramente informativo. Non c’è stata alcuna contrattazione, e tanto meno alcuna approvazione scritta o orale da parte nostra. A ciascuno le sue responsabilità, dunque.
Marco Longoni, Gruppo Mobilità Monza e Brianza (CRTPL)

Matteo Mambretti, Comitato Milano-Asso

Ettore Maroni, Pendolari Como
Fabio Petrocchi, Ref.Pendolari della linea Milano Alessandria (CRTPL)
Guido Raos, Comitato Pendolari del Meratese

Cristina Vaccani, Pendolari Como-Lecco

Giorgio Villa, Comitato Viaggiatori S9/S11 – Seregno

22 gennaio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Disservizi e rimborsi, parlano i pendolari

  1. Como – Cerca News » Disservizi e rimborsi, parlano i pendolari il 22 gennaio 2013, ore 11:45

    [...] … estesa poi ai rappresentanti degli altri comitati pendolari della Lombardia, ha avuto carattere … Comitato Milano-Asso Ettore Maroni, Pendolari Como Fabio Petrocchi, Ref.Pendolari della linea Milano … Vai alla fonte [...]

  2. Monza – Cerca News » Disservizi e rimborsi, parlano i pendolari il 22 gennaio 2013, ore 21:13

    [...] …ai rappresentanti degli altri comitati pendolari della Lombardia, … Marco Longoni, Gruppo Mobilità Monza e Brianza (CRTPL) Matteo … Vai alla fonte [...]

Rispondi