Varese

Rispunta il nuovo teatro in Commissione, ma nessuno sa perchè

Piazza Repubblica e, sullo sfondo, l'ex Caserma Garibaldi

Piazza Repubblica e, sullo sfondo, l’ex Caserma Garibaldi

Si torna a parlare del progetto di riqualificazione di piazza Repubblica a Varese, una delle piazze dove i segni del degrado sono evidenti, a partire dall’ex Caserma Garibaldi. Sull’area di quest’ultima avrebbe dovuto sorgere il nuovo Teatro di Varese. Temi che sono stati al centro della riunione della Commissione Urbanistica, che ha fatto il punto su uno dei progetti rimasti al palo.

Ha preso la parola l’assessore all’Urbanistica, il leghista Fabio Binelli, che ha ripercorso la lunga storia di questo progetto, una serie di ripensamenti e di cambio di prospettiva giunto fino ad oggi, quando il progetto è stato definitivamente bloccato. Come sottolinea l’assessore davanti agli esponenti dei partiti, dapprima il progetto avrebbe dovuto svilupparsi con la finanza di progetto, con una variante urbanistica da varare. Tante le realizzazioni progettate inizialmente nella piazza: oltre al nuovo teatro, anche una caserma per i vigili urbani, un’area per esposizioni pubbliche, ampie superfici commerciali. Venne attivata la Vas (Valutazione ambientale strategica), che portò a valutare la necessità di superare la finanza di progetto per abbracciare invece l’ipotesi di un Accordo di programma. E questo a causa dell’ampio spazio commerciale previsto. Dunque un primo cambiamento.

Un secondo cambiamento, legato alla crisi economica, portò poi a ridimensionare il progetto: da 40 mila metri quadrati di superficie, con 11 mila metri quadrati commerciali, si arrivò ad un progetto di 27 mila metri quadrati di superficie, con 6 mila metri quadrati commerciali. Come ha ripetuto l’assessore leghista, che tende a spostare sulla Regione la responsabilità dello stop del progetto, “nel febbraio, da parte della Regione, c’era stato un assenso verbale nei confronti dell’Accordo di programma”. Cosicché la giunta Fontana, agli inizi dello scorso anno, approvò lo strumento dell’Accordo di programma, e il 20 giugno 2012 il sindaco mandò in Regione una lettera, che però non ebbe mai risposta. Crisi al Pirellone (a cui spetta il compito di attivare l’accordo di programma) e decadimento del Prg a Varese senza nuovo Pgt, hanno bloccato definitivamente il progetto.

Fin qui l’asettica ricostruzione da parte dell’assessore Binelli. Duro l’attacco del consigliere Pd, Andrea Civati, nei confronti della giunta Fontana. “Si sono persi mesi e mesi dietro questo progetto che è uno dei grandi scomparsi della politica varesina”. Per Civati è necessario individuare “le responsabilità politiche dell’impasse, di questo ennesimo caso di confusione totale e di promessa non mantenuta”.

Ma è stato il consigliere di Movimento Libero, Alessio Nicoletti, a porre una domanda decisiva: perchè ritirare fuori questo progetto proprio oggi? “A chi giova? – si è chiesto Nicoletti -. E’ un esercizio inutile? A che gioco stiamo giocando? Perchè riproporre questo tema proprio ora?”.

Una domanda che non ha avuto risposta in Commissione. Non ha potuto rispondere il presidente della Commissione, Matteo Giampaolo, ciellino del Pdl, assente per ragioni di lavoro. “Non sono stato io a richiedere questa discussione”, è intervenuto l’assessore leghista Binelli. “Non so rsipondere”, ha risposto il vicepresidente della Commissione, il leghista Roberto Parravicini.

Una risposta è stata abbozzata dal consigliere Sel, Rocco Cordì. “I contrasti in maggioranza sono evidenti – ha detto Cordì -. Sono noti a tutti tranne, forse, che alla maggioranza”. Ricondotto allo scontro tra Pdl e Lega Nord anche il silenzio del Pirellone sulla richiesta del sindaco di procedere con l’Accordo di programma. “E’ un fatto anomalo che la Regione ignori un’istanza avanzata dalla maggioranza a Varese”.

Insomma, come i ritardi del nuovo Prg, anche lo stop dell’accordo di programma su piazza Repubblica e il nuovo Teatro di Varese va ricondotto allo scontro nel centrodestra varesino, sempre più diviso e incapace di condurre in porto uno dei grandi progetti che interessano la città. Oggi, tra l’altro, su piazza Repubblica ogni strada è bloccata: senza nuovo Pgt nessuna variante, e senza Regione nessun accordo di programma. Piazza Repubblica e nuovo Teatro restano un palcoscenico in cui va in onda uno scontro che frena sempre di più l’azione di governo.

15 gennaio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Rispunta il nuovo teatro in Commissione, ma nessuno sa perchè

  1. Alessandro il 15 gennaio 2013, ore 10:31

    E’ un Teatro Elettorale :-)

  2. un varesino non doc il 15 gennaio 2013, ore 14:28

    Temo che Alessandro abbia ragione

Rispondi