Regione

Ambrosoli lancia il suo programma, in quattromila a Milano

Umberto Ambrosoli

Umberto Ambrosoli

Grande successo per la serata milanese di lancio del programma di Umberto Ambrosoli, il candidato presidente del centrosinistra al Pirellone. L’avvocato ha rimarcato, sul palco del Teatro Dal Verme, una continuità tra la sua candidatura e la “svolta arancione” di Giuliano Pisapia al Comune di Milano. Non solo: Ambrosoli ha sottolineato come lui rappresenti il nuovo, al contrario dei competitors, Maroni e Albertini.

Grande attesa per i contenuti del programma di Ambrosoli, con circa duemila persone dentro il teatro, ma altrettante persone erano fuori dal teatro di piazza Cairoli.

In cima alle priorità Ambrosoli ha posto trasparenza e moralità, un punto decisivo nella corsa alla presidenza di una Regione colpita dalle inchieste e con parecchi esponenti indagati. Al secondo posto, l’avvocato ha presentato la necessità di fare investimenti per creare nuovi posti di lavoro. Arrivano poi sviluppo e crescita, da collocare in una prospettiva europea. Infine attenzione alle persone con una forte innovazione dal punto di vista dei servizi, guardando in maniera unitaria a prevenzione, cura e assistenza. Nel suo programma Ambrosoli ha inserito la riforma del ticket, da rimodulare con una forte dose di progressività in base al reddito. Revisione anche delle politiche della mobilità, con grande attenzione alle questioni ambientali.

Nel corso della manifestazione milanese sono intervenuti sette rappresentanti di categiorie diverse, dai pendolari agli imprenditori, agli amministratori dei Comuni terrremotati, che si sono confrontati con Ambrosoli e Lella Costa.

Tra i testimonial del candidato presidente del centrosinistra in Regione Lombardia, Massimo Ghini, Roberto Vecchioni, il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, Umberto Eco, Gherardo Colombo, Piero Bassetti, Gad Lerner, Alessandro Profumo e Giorgio Gori.

12 gennaio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi