Varese

Il Peter Pan all’Apollonio, musical tecnologico e senza tempo

Manuel Frattini, Peter Pan sul palco del Teatro Apollonio di Varese

Manuel Frattini, Peter Pan sul palco del Teatro Apollonio di Varese

Non delude mai, “Peter Pan. Il Musical”, che oggi, ancora una volta, ha coinvolto il pubblico presente al Teatro Apollonio di Varese. Uno spettacolo, con la regia dell’esperto Maurizio Colombi, che vede sul palco, protagonista assoluto, Manuel Frattini, nei panni del piccolo eroe che rifiuta di diventare adulto. Un musical affascinante, quello del Sistina, che si affida alle popolari melodie (qualche volta rivedute e corrette nei testi) scritte da Edoardo Bennato, per raccontare l’avventuroso viaggio di Peter insieme ai suoi giovani amici, in eterno conflitto con Capitan Uncino, interpretato da Pietro Pignatelli, l’altro protagonista dello spettacolo.

Il fascino del musical nasce dalla bravura degli interpreti, che cantano live sul palco, ma soprattutto dall’impatto dell’utilizzo delle tecnologie più avanzate. Come nel caso del personaggio di Trilly, realizzato con tecnologie laser, il volo di Peter e dei fratelli Darling, che volteggiano sul palco contemporaneamente e ad altezze diverse, il volo che il pubblico fa insieme ai personaggi verso l’Isola che non c’è, grazie all’animazione di scenari aerei e marini. A tutto ciò si aggiungono colpi di scena che “spaventano” le prime file di spettatori, come i colpi di cannone sparati dalla “ciurma” di Capitan Uncino.

Resta quasi sempre al centro del palco, Manuel Frattini. Agile ed esperto, volteggia, danza, canta da grande protagonista. Con grande soddisfazione del pubblico varesino, che applaude al termine di ogni brano targato Bennato. E colpisce come canzoni che, a fine anni Settanta, all’epoca d’oro del cantautorato italiano, hanno costituito la colonna sonora di un’intera generazione, ora possano rallegrare e colpire giovani e giovanissimi, grazie ad un accattivante allestimento teatrale. Segno che Bennato resta un evergreen, che si rinnova e cambia, ma soprattutto continua a piacere.

7 gennaio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi