Lettere

Cordì: Pgt, che fallimento…

Per il Sindaco Fontana non c’è da preoccuparsi: “il PGT è predisposto nella sua parte sostanziale, mancano solo i passaggi formali”! Dunque la preoccupazione e l’allarme che accomunano forze politiche e sociali (anche diverse fra loro) sarebbero infondati oppure frutto della demagogia, perciò “inutile correre dietro a quello che dice l’opposizione”.

L’imbarazzo del Sindaco è comprensibile, ma nascondere l’evidenza o arrampicarsi sui vetri non è per niente un bell’esercizio. A meno che Egli sia a conoscenza di “documenti sostanziali” che invece sono stati finora negati alla Commissione urbanistica.

Appare più probabile invece che non abbia avuto il tempo di dedicare a questo aspetto cruciale della vita amministrativa la necessaria attenzione.

E’ perciò utile ricordargli che il confronto avviato in Commissione riguarda il Documento di Piano (cioè solo uno dei tre “sostanziali” costituenti il PGT), mentre il Piano dei Servizi e il Piano delle Regole sono ancora in gestazione altrove. Si tratta di documenti la cui sostanza consiste comunque nella strategia e nelle scelte che dovrebbero ridisegnare il futuro della Città.

Questo è il nodo cruciale ed è su questa mancanza che si rivela il fallimento più profondo della maggioranza LEGA-PDL.

Il problema non riguarda dunque l’inattività dell’Assessore Binelli o la sua (encomiabile) resistenza alle pressioni provenienti da diversi parti e tutte finalizzate a fare presto su questa o quella pratica, ma l’incapacità della maggioranza di compiere scelte adeguate di medio e lungo periodo.

La posizione di SEL è chiara, inutile chiedere nuovi crono programmi o impegni solenni a una Giunta e una maggioranza che hanno fallito su un aspetto strategico di governo della città.

L’unica cosa seria che gli resta da fare ha un solo nome: dimissioni!

Rocco Cordì

Consigliere comunale Sel

4 gennaio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi