Varese

Anno nuovo, degrado vecchio. Graffiti e sporcizia in centro a Varese

IMG_20130103_101124E’ impossibile non notare, facendo un giro in centro a Varese, nelle strade e nelle piazze del centro, una serie di fastidiosi fenomeni di degrado che sarebbe bello vedere risolti nell’anno appena incominciato.

Nulla può competere con quel monumento al degrado che si trova in piazza Repubblica, ed è l’ex Caserma Garibaldi, uno dei peggiori biglietti da visita che Varese possa presentare a chi arriva, un monumento che dovremo sopportare ancora a lungo nel vuoto di Prg e Pgt che si è determinato. Ma è sufficiente guardare alle strade del centro della città, in particolare i portici, per cogliere preoccupanti segni di degrado.

E’ il caso dei portici di via Volta e di via Moro, che registrano una presenza massiccia di graffiti e scritte, su colonne e muri. In particolare l’ultimo tratto, che affaccia su piazza Monte Grappa, di via Aldo Moro, è riempito di graffiti (nella foto). Il salotto buono della città non fa davvero una bella figura.

Nel caso di via Volta, ai graffiti si aggiungono problemi ai marciapiedi, in alcuni casi con piastrelle sconnesse che dovrebbero essere oggetto di un intervento di manutenzione non straordinaria.

Ci sono poi altri segni di degrado, come nel caso della Torre civica, che accanto alla porta presenta una bacheca con i vetri rotti e parecchia sporcizia attorno. Muri sbrecciati anche sotto i portici di Palazzo Estense.

Infine, all’angolo tra via Magenta e via delle Medaglie d’oro, l’angolo sotto i portici versa da tempo, come ben sanno i cittadini che passano ogni giorno, in pessime condizioni. Sporcizia e odori intollerabili la fanno da padroni. A due passi da piazza Repubblica e dal cuore della città.

FOTO

4 gennaio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti a “Anno nuovo, degrado vecchio. Graffiti e sporcizia in centro a Varese

  1. Roger il 5 gennaio 2013, ore 00:55

    Stupisce di piu’ vedere l’ingresso della biblioteca civica di Via Sacco coronato da una marea di mozziconi di sigarette fumate da studentelli sbarbati e forse minorenni che si atteggiano, recitano, cattivi attori, la parte dei vissuti che non sono. Se questi sono i quasi acculturati cosa si pretende dagli scemi comuni?

  2. Giorgio il 5 gennaio 2013, ore 12:56

    Varese, Città Giardino (una volta). Oggi rischia di diventare la periferia di Como. Chissà perchè ?

    Ecco l’agenda per gli amministratori comunali, con i problemi di Varese.

    - P.zza Repubblica: degrado, sporcizia e problemi di sicurezza;
    - Caserma Garibaldi: immenso immobile pubblico inutilizzato (e decadente);
    - Illuminazione pubblica, molto spesso pessima, troppi lampioni non funzionanti;
    - strade che necessitano maggior manutenzione;
    - viabilità, troppo spesso caotica (sosta selvaggia in centro nelle notti del week end);
    - parcheggi AVT (Via Verdi e Via Staurenghi) in pessime condizioni;
    - spazi verdi (aiuole e giardini in periferia) poco curati;
    - lungolago Schiranna poco valorizzato.

    Sicuramente la colpa è anche dei cittadini maleducati, ma leggi e regolamenti (per il decoro urbano) ci sono, basta farli rispettare, ecco forse il problema è proprio questo.

    Buon lavoro Giunta Comunale.

  3. maria gabriella costa il 26 febbraio 2013, ore 20:41

    Tutta l’Italia è piena di grafitti. Un vero schifo! Ogni città è piena di scarabocchi e questo non si vede negli altri paesi. Sicuramente loro hanno più rispetto per le cose altrui e hanno più civiltà cosa che qui manca di brutto!!! Italiani datevi una mossa!!!

Rispondi