Varese

Parlamentarie Pd, Maria Chiara Gadda: una candidatura dal basso

La candidata Maria Chiara Gadda

La candidata Maria Chiara Gadda

Tra i candidati varesini alle parlamentarie Pd di domani c’è una giovane esponente del partito, Maria Chiara Gadda. Ha 32 anni, risiede a Fagnano Olona, è laureata in ingegneria gestionale e lavora presso una multinazionale metalmeccanica del territorio. E’ stata responsabile delle giovani democratiche della provincia. Nel 2009 è stata eletta consigliere comunale a Fagnano Olona con 140 preferenze (ottenendo, nella sua lista, il più alto numero di preferenze), e ora è all’opposizione.

“La mia candidatura è nata dal basso, dalla base”, spiega la Gadda. “Il circolo Pd di Fagnano Olona mi ha chiesto di presentarmi alla parlamentarie. Tante persone che hanno puntato su di me, persone di provenienza trasversale che mi stimano come persona che ha lavorato nel partito e sul territorio”. La candidata tiene a sottolineare che “la mia non è una candidatura di corrente, anzi vorrebbe superare certe rigidità che le correnti comportano”. Le firme per la sua candidatura, Maria Chiara le ha raccolte su un territorio provinciale ampio, da Luino a Saronno, fino a Busto Arsizio.

La Gadda sottolinea anche un altro aspetto: “Dato che ho 32 anni – sottolinea – la mia candidatura non ha l’obiettivo di lanciare una persona giovane: certo, sono giovane, ma credo che sia fondamentale anche la competenza, l’esperienza politica e professionale”.

Una candidatura, dunque, al di fuori delle correnti, forse anche un po’ scompaginare i giochi. Sulle priorità, in caso riuscisse ad essere eletta in Parlamento, la Gadda non ha esitazioni: “Come giovane e come donna, credo che in cima alla lista delle priorità ci sia il lavoro, favorendo proprio giovani e donne. E poi, considerando i miei studi e le attitudini personali, i temi ambientali”. Resta il fatto che l’esperienza di queste primarie, al di là del risultato finale, è molto importante. Soprattutto sul fronte del distacco tra politica e cittadini. “Credo che una candidatura come la mia (io sono una persona semplice, con il suo lavoro e la passione per la politica) possa contribuire a riavvicinare la gente alla politica. Così come la scelta, da parte del Pd e del suo segretario Bersani, di mettere in campo le primarie come modo per selezionare la classe politica”.

 

28 dicembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi