Varese

Il movimento di Oscar Giannino, ecco i varesini in lista

La presentazione, al Caffè Zamberletti, delle liste del movimento di Oscar Giannino

La presentazione, al Caffè Zamberletti, delle liste del movimento di Oscar Giannino

Il movimento “Fermare il declino” fondato dal giornalista Oscar Giannino ha presentato a Varese le liste per Parlamento e Pirellone. Un movimento dalla vita ancora breve, ma con una lunga serie di vicissitudini, a partire dal cambiamento del nome: ora si chiama “FARE per fermare il declino” e non più solo “Fermare il declino”. Anche il rapporto con il movimento “ItaliaFutura” di Montezemolo è andato in frantumi prima ancora di partire.

A sentire Giambattista Rosa, coordinatore regionale lombardo di questa nuova realtà, in effetti i “no” appaiono più numerosi dei “sì”. ”Nelle nostre liste – esordisce Rosa – non abbiamo politici navigati, e non ci sono deputati e senatori uscenti”. Resta il fatto che anche qui si annusa aria di partito personale: tutti gli interventi considerano la persona di Oscar Giannino una ragione fondamentale per l’adesione al movimento.

E’ un fiume in piena, Giambattista Rosa. Parla delle “comparsate di Berlusconi, degne di un paese mediorientale”. Quanto a Mario Monti, il movimento di Giannino non nega diverse consonanze a livello programmatico (dalla riduzione della spesa pubblica al taglio del debito pubblico, fino alla riduzione del prelievo fiscale), ma non ci si può fermare a ciò. “E’ una presa in giro – rilancia Rosa – presentarsi con lo slogan meno casta, meno costi, quando ci si allea con il partito di Cesa e Cuffaro, Montezemolo e Fini”. Le alleanze, continua il coordinatore regionale, sono d’ostacolo per appoggiare sia Monti a livello nazionale che Albertini a livello regionale (tra gli alleati sgraditi, Rosa fa cenno anche alla “parte peggiore di CL”). Per quanto riguarda la Regione, se Albertini cerca alleati improbabili, allora il movimento di Giannino correrà da solo e con un proprio candidato alla presidenza.

E la Lega? Diversi candidati in lista si confessano “delusi dalla Lega”. Dice Rosa: “la Lega è il partito che ha governato di più in Italia, ma il federalismo non ha fatto un solo passo avanti”. Infine, per quanto riguarda la sinistra, Rosa ne parla come di un’armata Brancaleone fatta da Bersani, Vendola e dalla Cgil. Fa eccezione Matteo Renzi. “Contiamo di intercettare elettori delusi per il mancato successo di Renzi – continua Rosa -, che presentava un programma liberale”.

Oggi è stata l’occasione per presentare le liste dei candidati che corrono per Camera e Senato, oltre che per il Pirellone. Tra i candidati per la Regione Lombardia c’è Alessio Nicoletti, il fondatore di Movimento Libero, consigliere comunale a Varese. “Corriamo per il Pirellone con l’obiettivo di rappresentare il territorio”. Ecco tutti i nomi in lista:

REGIONALI:
Alessandro Ceccoli Napoli 30/06/1949
Daniela Parotti Castellanza 05/07/1964
Claudio Filippini Brescia 01/11/1961
Daniela Bitonto Asti 09/08/1965
Alessio Nicoletti Varese 14/05/1978
Patrizia Mari Tradate 15/07/1967
Bruno Pavan Bodio Lomnago 15/01/1942
CAMERA:
Christian Giorgi  Magenta 5/11/1977
Filippo Renoldi Saronno 30/09/1965
Alberto Bonsignore Milano 3/12/1974
Alberto Maria Landini Saronno 10/01/1973
Massimiliano Catalani Tradate 05/08/1971
Claudio Volontè Saronno 7/09/1960
Andrea Giovanni Giulio Soglian Milano 12/09/1971
SENATO:
Alessandra Fioretto Caracas (Venezuela) 11/08/1955
Amedeo Nicola Varese 24/11/1950
Flavio Mariani Busto Arsizio 15/01/1959
Fabrizio Canedoli Varese 22/04/1956
Lorenzo Colonna-Preti Milano 24/06/1962
Gian Battista Fogliani Tradate 25/03/1962
Antonella Lattuada Parabiago 24/08/1960

 

 

28 dicembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Il movimento di Oscar Giannino, ecco i varesini in lista

  1. eel il 28 dicembre 2012, ore 20:51

    se bloccate le liberalizzazioni(aperture domenicali e festive ) avete il mio voto

  2. Daniela Maria Bitonto il 30 dicembre 2012, ore 19:32

    Mi dispiace che abbia annusato solo questo…è vero noi tutti ammiriamo Oscar, ma FID non nasce solo da Giannino. FARE per Fermare il declino è costituito da una squadra di persone che si sono raccolte attorno ad un obiettivo preciso. Ci voglia scusare il caro giornalista se nei pochissimi minuti che avevamo a testa per presentarci (eravamo in 19) abbiamo voluto nominare la persona che a questo movimento dà voce.

Rispondi