Varese

Censimento Istat, Varese non è una città per giovani

Varese bisLo scorso 18 dicembre, l’Istituto Nazionale di Statistica ha diffuso i primi dati definitivi del 15° Censimento della popolazione di ciascuno degli 8.092 comuni italiani. La popolazione, pubblicata sul Supplemento ordinario n. 209 alla Gazzetta Ufficiale 294 del 18 dicembre 2012), è riferita alla data del Censimento, il 9 ottobre 2011, e diviene riferimento legale per il Paese fino alla successiva rilevazione. E’ perciò definita “popolazione legale”.

Per quanto riguarda il Comune di Varese, e sempre tenendo presente che i dati sono fotografati al 9 ottobre 2011, ci sono meno residenti, ma più stranieri rispetto a dieci anni fa. Al 9 ottobre 2011, la popolazione residente nel comune di Varese ammonta a 79.793 unità e fa registrare un decremento di poco inferiore all’1% rispetto al 2001, quando si contarono complessivamente 80.511 residenti. Al suo interno, però, la componente straniera, pari a 8.496 unità, evidenzia nel decennio intercensuario un incremento più che doppio, passando dal 4,23% del totale nel 2001 al 10,64% dei varesini nel 2011.

Più femmine che maschi, anche tra gli stranieri, a Varese. Ci sono 88,7 uomini ogni 100 donne (37.517 uomini, 42.276 donne). La distribuzione proporzionale per genere non ha subito, di fatto, alcuna variazione rispetto alla scorsa fotografia censuaria. Muta, al contrario, il rapporto tra sessi, se si pone attenzione alla sola componente straniera: mentre nel 2001 risiedevano 96 stranieri uomini su 100 straniere donne, l’ultimo censimento mostra che tale rapporto è sceso a 86 uomini su 100 donne.

Aumentano gli anziani, e gli stranieri under 40 sono poco meno del doppio degli italiani. Dal 2001 al 2011 la percentuale di popolazione di 60 anni e più è passata dal 28,4% (22.834 persone) al 31,8% (25.407 persone). Anche i residenti con 80 anni e più incrementano il loro peso sul totale della popolazione residente (dal 5,2% del 2001 al 7,7% del 2011). In particolare, si registrano 914 residenti con non meno di 90 anni, il 75,8 % dei quali rappresentati da donne, e 29 con non meno di 100 anni, tra i quali solo 2 uomini. Se si prendono in considerazione separatamente le componenti italiana e straniera, è possibile osservare come, mentre tra gli italiani il 35% ha un’età pari a non meno di 60 anni, il 66% degli stranieri è under 40 anni.

 

28 dicembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi