Varese

I Pdl Puricelli e Azzi fanno il bilancio, ma solo Azzi ridiscende in campo

Da sinistra i consiglieri regionali Pdl Puricelli e Azzi

Da sinistra i consiglieri regionali Pdl Puricelli e Azzi

Bilancio, ieri sera presso il Palace Hotel a Varese, della legislatura regionale da parte dei consiglieri regionali Pdl Giorgio Puricelli e Rienzo Azzi, quest’ultimo già coordinatore provinciale varesino del partito e presidente della Commissione regionale Territorio. Un bilancio che cade in un momento di rapido approssimarsi delle elezioni regionali e nazionali. Presente, oltre ai rappresentanti dei media, una cinquantina di supporter ed esponenti politici, come l’assessore provinciale Bonfanti e il presidente del Consiglio provinciale Macchi.

Inevitabile dunque la domanda sulla ricandidatura. Risposte diverse, da parte dei due esponenti dell’area laica del Pdl. Porte aperte all’ipotesi di ritornare in campo da parte di Azzi. “La condizione per ricandidarmi è che i valori per cui abbiamo lavorato per 20 anni (come l’organizzazione federale dello Stato) restino fondamentali per il candidato alla presidenza del Pirellone, Albertini o Maroni”. Aggiunge Azzi: “Preferisco candidarmi a sostegno di un candidato con la tessera Pdl. Se la tessera verrà strappata, allora preferisco la Lega”. Più tranciante la risposta di Puricelli, fisioterapista eletto, alle precedenti elezioni, nel listino del presidente Formigoni. “Resto a disposizione del partito – dice Puricelli -, ma non mi candiderò più né al Pirellone né in Parlamento”.

Lungo il bilancio delle iniziative prese da consiglieri nella legislatura regionale. Puricelli, utilizzando una serie di slide, ripercorre il lungo elenco di progetti di legge, mozioni, lettere alle autorità. Atti firmati dal solo Puricelli, ma più spesso da Azzi e Puricelli insieme. Tra le battaglie più importanti, sottolineano i due consiglieri regionali Pdl, quella relativa a Malpensa e quella sulla Cava Nidoli. Nel primo caso, attenzione al fatto che le attività non inerenti all’aeroporto, dagli alberghi ai ristoranti, siano portate nel territorio circostante, passando dal Masterplan al Piano d’Area. Una scelta che segnala, secondo Azzi, “l’unica strategia in campo su Malpensa”. Quanto alla Cava Nidoli, i due consiglieri hanno chiesto di estendere i controlli Arpa anche alle altre cave a monte dei pozzi Aspem, una mozione che però è stata bocciata dal Consiglio.

Tornando all’attualità politica regionale, Azzi apprezza le primarie realizzate da Agorà. “Non ho partecipato perchè io potevo presentare il lavoro fatto al Pirellone, a differenza degli altri candidati. Avrei ucciso le primarie”. Dichiara, però, che anche lui avrebbe votato per Luca Marsico. Sempre Azzi boccia il governo Monti: “E’ stato un governo delle tasse, mentre io credo nella crescita”. Aggiunge: “Sono un europeista convinto, ma non mi piace un’Europa guidata dalla Germania”. E per quanto riguarda le pimarie del centrosinistra per scegliere il candidato a Palazzo Chigi? “Be’, avrei dato il mio voto a Pier Luigi Bersani, persona con una grande esperienza, capace, quando è stato al governo, di portare qualche elemento di novità”. Anche Puricelli non ama il governo Monti: “Occorre prendere la direzione della crescita, stoppando la continua imposizione fiscale”.

 

 

 

18 dicembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “I Pdl Puricelli e Azzi fanno il bilancio, ma solo Azzi ridiscende in campo

  1. GIUSEPPE PETRUZZELLIS il 18 dicembre 2012, ore 17:07

    Ho apprezzato molto l’esposizione della gran mole di lavoro svolto dai nostri 2 Consiglieri Regionali Puricelli e Azzi. Mi spiace che Puricelli abbia deciso di non ricandidarsi (spero ci ripensi) e mi auguro che Azzi, ricandidandosi, possa essere facilmente rieletto, condividendo tutte le Sue considerazioni anche sui candidati presidenti. Relativamente alle “primarie” realizzate dalla componente Agorà del PDL , va sottolineato che, così come dichiarato dai dirigenti della stessa componente, servivano ad individuare un candidato al Consiglio Regionale, espressione della stessa Agorà, da proporre al Coordinamento Provinciale di Varese insieme agli altri 6 che la Provincia di Varese dovrà candidare.
    Giuseppe Petruzzellis – Responsabile Provinciale Seniores PDL di Varese

Rispondi