Varese

Dalla Fondazione Ubi per Varese 600 mila euro al territorio

Antonio Bulgheroni

Oltre 600 mila euro sono stati destinati a realtà del territorio varesino da Fondazione Ubi per Varese e dalla Banca Popolare di Bergamo nell’anno 2012. Un significativo sostegno a restauro e recupero di edifici monumentali, di opere d’arte, ma anche contributi per iniziative artistiche, culturali e sociali, oltre che aiuti ad istituzioni e associazioni con finalità culturali, artistici, sociali. A scorrere l’elenco dei contributi, presentato questo pomeriggio presso la sede della Fondazione in piazza Battistero, la presenza della Fondazione e della banca è ampia e diversificata.

“Il gruppo bancario Ubi – spiega Antonio Bulgheroni, presidente della Fondazione – ha costituito nel 2004 la fondazione per testimoniare il legame e l’attaccamento al territorio”. Accanto a Bulgheroni siedono Giuseppe Masnaga, direttore generale della Banca Popolare di Bergamo e consigliere della stessa Fondazione, Luigi Jemoli, vicepresidente della Fondazione, il consigliere Carlo Bottinelli e Ambrogina Zanzi.  Continua Bulgheroni: “L’attenzione al nostro territorio è forte, anche in un momento difficile come questo”. Gli fa eco il vicepresidente Jemoli: “Forte la sinergia tra Fondazione e banca, al punto che la rete degli sportelli spesso riesce a cogliere esigenze e bisogni che a volte non giungono alla Fondazione”. Ancora Jemoli rimarca come “spesso i progetti che prendiamo in considerazione per essere finanziati sono in realtà co-finanziati e co-appoggiati dalle stesse realtà del territorio”. Lo sottolinea anche il direttore generale BPB Masnaga: “Fondamentale la sinergia tra fondazione e banca, che consente di aumentare la capacità di venire in aiuto delle esigenze di tante micro-realtà”. Un atteggiamento, continua Masnaga, “che certamente affonda le sue radici nella storia: la sensibilità verso il sociale nasce dalla storia del Credito Varesino, una banca in origine collegata al mondo delle società di mutuo soccorso”.

Ecco le realtà e le iniziative finanziate nel 2012 dalla Fondazione e dalla BPB:

C’è un posto per te! (Comune di Varese-Stagione teatrale) 50.000 euro

Seconda fase recupero librario (Compagnia di Gesù - Gallarate) 20.000 euro

Acquisto automezzo (Handicap Sport Varese – Tradate) 20.000 euro

Ambulatorio della memoria (Associazione Varese Alzheimer) 15.000 euro

Contributo costruzione palestra  (Villaggio Sos Morosolo) 10.000 euro

Automezzo (Il Perograno Servizi Onlus) 10.000 euro

Ausili Fisioterapia (Casa di Riposo C. e V. Bellini) 10.000 euro

Iniziativa Assistente Familiare (Il Melo Onlus – Gallarate) 10.000 euro

Restauro organo (Parrocchia S. Giovanni Battista – Busto A. ) 10.000 euro

Trasporto Disabili (POLHA Varese) 9.000 euro

Progetto “grafica per tutti” (Coop. Sociale Naturcoop) 8.0oo euro

Progetto didattico scuole (Associazione Amici del Chiostro) 5.000 euro

Restauro dipinto (Parrocchia S. Maria Assunta Somma Lombardo) 5.000 euro

Restauro statua (Parrocchia S. Stefano Laveno) 4.500 euro

Serata “ricordando l’opera del Prof. Furia” (Centro Geofisico Prealpino) 3.000 euro

Stagione Musicale (Pro Loco Gazzada) 2.000 euro

Pubblicazione volume (Varese Folk) 2.000 euro

Ecco le realtà e le iniziative finanziate nel 2012 dalla sola Fondazione: 

Apparecchio Biologia Molecolare (Ail Varese) 34.500 euro

Progetto Porta Aperta (Istituto l’Addolorata Varese) 25.000 euro

Progetto Recupero Alimenti Freschi (Banco Alimentare) 20.000 euro

Medicinali vari (Caritas Varese) 20.000 euro

Cartellonistica Meridiana (Ass. Amici Sacro Monte) 2.000 euro

Ecco le realtà e le iniziative finanziate nel 2012 dalla sola BPB:

Fondazione Renato Piatti (Social Bond per la terapia riabilitativa presso il Centro di Besozzo) 25.ooo euro

Associazione Malawi nel cuore (Costruzione scuola) 5.000 euro

Parrocchia Biumo Inferiore (acquisto libri scolastici) 4.000 euro

 

10 dicembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi