Varese

Violenza alle donne, giornata di studio sulla nuova legge regionale

La presentazione della giornata di studio a Varese

Domani venerdì 23 novembre, dalle 9 alle 13, presso l’Istituto De Filippi di Varese, si terrà una giornata di studio dal titolo “Legge regionale contro la violenza sulle donne: rendiamola operativa sul territorio di Varese”. L’incontro è stato promosso dal Coordinamento donne Cgil, Cisl e Uil della Provincia di Varese e dal Coordinamento donne Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil.

Come sottolinea Oriella Riccardi, della segreteria provinciale della Cgil di Varese, “la legge n. 047/12 può essere uno strumento valido per arginare la violenza contro le donne, un fenomeno sempre in aumento”. La giornata di studio, che vedrà anche la presenza del prefetto Giorgio Zanzi, ha come obiettivo quello di “rendere operativa sul nostro territorio questa nuova legge – continua la Riccardi -, e per questo chiediamo alle istituzioni di entrare nel merito della legge, che si muove su vari livelli, dalla prevenzione al sostegno, fino al contrasto, in sinergia con istituzioni e parti sociali”. Presenti al lancio del convegno anche Anna Uslenghi della Cisl di Varese e Maurizio Manfredi della segreteria Uil di Varese.

Secondo dati non ufficiali, anche la forma pià grave di violenza, il femminicidio, è in costante aumento in Italia: 127 nel 2010, 137 nel 2011 e 63 già nel giugno del 2012. Ma sono interessanti anche le percentuali, con un 54% di violenze in famiglia, subite dal partner, il 70% di violenze che colpiscono donne italiane, e il 76% di aggressori italiani. “Dati – sottolinera la Riccardi – che smentiscono tanti luoghi comuni sugli stranieri”. Ma è forte l’allarme anche nella nostra provincia: secondo i dati del Filo Rosa Auser di Gallarate sono stati 52 i casi di maltrattamento.

Nel corso del convegno al De Filippi sarà presentata l’iniziativa “Diamo voce al silenzio”, un progetto di Eos, Filo Rosa Auser, Icore di Gorla Minore che, grazie ad un bando Cariplo e Cesvov, puntano alla nascita di un osservatorio sul maltrattamento delle donne nella nostra provincia, mettendo in rete tutti i centri anti-violenza pubblici e privati.

22 novembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi