Varese

Varese, al Liceo Cairoli stato di agitazione contro il governo

Si riporta di seguito la mozione approvata a maggioranza dall’Assemblea sindacale dei lavoratori del Liceo classico statale «E. Cairoli» di Varese in data 19 novembre 2012 e trasmessa al Collegio dei Docenti riunitosi in data 21 novembre dello stesso anno:

Il personale Docente e ATA del Liceo Classico statale «E. Cairoli» di Varese, riunitosi in Assemblea Sindacale, indetta dalla RSU di Istituto, il giorno 19 novembre 2012, esprime dissenso e indignazione nei confronti delle politiche scolastiche promosse dal presente Governo e dal Ministro Profumo, che, attraverso l’uso unilaterale di tagli di risorse e personale, di fatto finisce per svalutare la nostra professionalità, limitare la nostra libertà d’insegnamento e svilire la scuola pubblica. In particolare, l’Assemblea esprime contrarietà verso i seguenti provvedimenti all’ordine del giorno dell’agenda politica: Il Ddl 953 (ex legge Aprea), che, nel progetto di riforma degli Organi Collegiali, restringe gli spazi di democrazia e, in particolare, apre la strada alla presenza di soggetti privati che in virtù del loro finanziamento potranno influenzare il POF; La riduzione di 47,5 milioni dal Fondo per il miglioramento dell’Offerta Formativa “senza pregiudicare l’offerta”; Il mancato rinnovo del contratto; Il mancato recupero degli scatti di anzianità; Il finanziamento alla scuola paritaria; La mancata previsione dell’indennità di vacanza contrattuale anche per l’anno 2013.

Poiché sono in gioco non solo la dignità del docente e di tutto il personale della scuola, ma anche la civiltà del lavoro, la conoscenza quale bene comune, il ruolo della cultura nella società, i valori della democrazia, l’Assemblea del personale Docente e ATA di questo Liceo, proclama lo stato di agitazione fino a quando non giungeranno segnali di diverso orientamento sulla politica scolastica, senza ulteriori decurtazioni dal bilancio della scuola pubblica.

L’Assemblea delibera, pertanto, di mettere in pratica quanto segue: Sospensione del personale dalle ore eccedenti l’insegnamento previsto contrattualmente per la copertura delle assenze dei colleghi; Sospensione dalle prestazioni aggiuntive oltre l’orario d’obbligo del personale Docente, legate adattività progettuali del POF; Sospensione dal lavoro straordinario ATA per la copertura delle assenze dei colleghi; Sospensione delle attività di tutte le figure di sistema individuate:- Coordinatore di Classe- Segretario del Consiglio di Classe- Coordinatore di Dipartimento- Accompagnatore Viaggi di Istruzione/Stage/Scambi- Responsabile di Progetto 2- Partecipante a Commissioni- Funzione Strumentale- Responsabile di Laboratorio- Collaboratori del Dirigente Scolastico; Sospensione di qualsiasi attività didattica aggiuntiva e, in particolare, degli sportelli didattici e dei corsi di recupero; Sospensione dei ricevimenti plenari delle famiglie a partire dal 26 novembre 2012; Sospensione dell’inserimento dei voti sul registro elettronico (Pronto Scuola).

La delibera è approvata con 28 voti favorevoli, 4 astenuti e 4 contrari (omissis). L’Assemblea Sindacale, pertanto, comunica al Dirigente Scolastico, al Collegio Docenti convocato in data 21 novembre 2012, al Consiglio di Istituto, ai Rappresentanti dei Genitori e degli Studenti dei Consigli diclasse, che il personale docente e ATA dell’Istituto ha deciso, a partire dal 26 novembre 2012, di adottare con dichiarazione individuale scritta, indirizzata al Dirigente Scolastico e al DSGA, la sospensione delle suddette attività aggiuntive, fatte salve le attività aggiuntive afferenti al disagio (disabilità, DSA), le attività di orientamento in entrata e le attività previste dal POF già finanziate e liquidate col contributo dei genitori.

Tale documento è trasmesso al Consiglio di Istituto, ai Rappresentanti dei Genitori, ai Rappresentanti degli Alunni, agli organi di stampa locale, agli uffici periferici dell’Amministrazione Scolastica (UfficioScolastico Provinciale e Regionale), al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e al Presidente del Consiglio dei Ministri, allo scopo di informare la comunità cittadina delle iniziative assunte dal personale Docente e ATA del Liceo e delle ragioni da cui scaturiscono.

22 novembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi