Varese

Convegno “Monumentali”, assenti sindaco e assessori

I relatori alla serata in Salone Estense

Partito ieri sera, in un affollato Salone Estense, il grande convegno internazionale “I Monumentali”, appuntamento dedicato a cultura, filosofia e tecnica degli alberi veterani,  in corso oggi e domani presso le Ville Ponti. Un convegno prestigioso, patrocinato dallo stesso Comune di Varese. Eppure, ieri sera, nella prima iniziativa dedicata agli alberi e alla cultura, con in sala alcuni tra i più autorevoli relatori, filosofi, artisti, scrittori, il Comune è brillato per la sua assenza. Non erano presenti il sindaco Fontana, né alcun assessore della sua giunta. Neppure quello alla Cultura, che nella serata avrebbe certamente trovato più di un motivo di interesse. Per la cronaca, l’unico consigliere comunale presente in sala era Ronca (Varese & Luisa).

Un vero peccato, dato che la serata si è segnalata per la varietà e la qualità degli interventi. Daniele Zanzi, agronomo di fama allontanato dalla Commissione Paesaggio del Comune, e vero organizzatore della kermesse a Varese, è stato sempre un po’ dietro le quinte, per lasciare spazio e riflettori ai relatori esterni. Tra questi è intervenuto lo scrittore Tiziano Fratus, mitico “homo radix”, una dozzina di libri al suo attivo per cercare e comprendere gli alberi secolari. Il filosofo Fabio Minazzi si è soffermato sul “senso della misura” custodito dalla pianta, contro alla crescita illimitrata del profitto.

Colto, leggero, cortese – come ha segnalato la giornalista Andreina De Tomassi, che con Cesare Chiericati ha condotto la serata - l’intervento di Francesco Decembrini, capo giardiniere per anni a Merano, che ha definito gli alberi “resistenti”, al cemento e ai vincoli, i veri monumenti del futuro. Poi è intervenuto il fotografo Carlo Meazza, autore con lo stesso Zanzi di un grande libro sul “rapporto stretto” tra gli alberi e Varese. “Il mio obiettivo come fotografo è che le cose di raccontino da sole, e io metto a loro disposizione la mia tecnica”. Riflessioni anche da due artisti attenti al mondo naturale: il pittore Arcangelo Ciaurro e lo scultore Loris Ribolzi.

Non è manacata all’appello neppure la poesia: prima i versi proposti da Daniela Beolchi e poi un reading di Silvio Raffo hanno proposto un’arte che dalla natura trae linfa e spunti vitali. Come sempre eccezionale l’attrice Silvia Bottini, elegante nell’interpretazione dei versi e nell’abbigliamento.

E, per finire, una performance di Silvana Barzi dedicata agli alberi. Un piccolo frammento, tratto dalla favola mistica “L’albero che cammina”. Strupendo. L’appello è che si possa vedere integralmente quella favola, fatta di suoni, si movimenti, di respiri.

 

22 novembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Convegno “Monumentali”, assenti sindaco e assessori

  1. Daniele Zanzi il 23 novembre 2012, ore 07:24

    Sindaci e Assessori durano al più l’effimero momento di un mandato elettorale; gli alberi e i nostri giardini, la vera grande ricchezza del territorio,andranno ben oltre ! Chi era presente certamente ha capito questa piccola ,grande verità!

  2. Laura il 23 novembre 2013, ore 16:28

    Lele Zanzi non ha certo bisogno di una commissione paesaggistica del Comune per far conoscere la propria capacità professionale e la sua cultura. È il Comune di Varese che avrebbe bisogno di Lele Zanzi per farsi conoscere in giro. Una serata culturalmente ricca, affascinante, come da anni non ne vivevo

Rispondi