Varese

Rapporto Legambiente, Varese il capoluogo fanalino di coda

Il Rapporto Ecosistema Urbano 2012, realizzato da Legambiente e Ambiente Italia in collaborazione con “Il Sole 24 ore” sulle politiche ambientali dei capoluoghi di provincia, fotografa Varese come città non in salute.

Dall’acqua all’aria, dal suolo all’energia, dai rifiuti alla mobilità, Varese non brilla quasi in nessun campo. Su 44 città di media grandezza è infatti solo 38esima, con un coefficiente complessivo di 41,02%. In una classifica dove primeggiano Trento, Bolzano e La Spezia, Varese si mette dietro di sé solo Monza, Taranto, Catanzaro, Latina, Siracusa e Reggio Calabria.

Le migliori performance sono relative al teleriscaldamento e alla produzione di rifiuti urbani. Decisamente male per l’inquinamento atmosferico, la mobilità sostenibile, il fotovoltaico, le politiche energetiche e la dispersione idrica.

“Urge dunque un netto miglioramento delle politiche comunali, che per ora non vediamo”, dice Legambiente Varese.

I dati categoria per categoria sono leggibili sul blog di Legambiente Varese: http://legambienteva.blogspot.it/2012/11/varese-non-e-una-citta-giardino.html

2 novembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Rapporto Legambiente, Varese il capoluogo fanalino di coda

  1. ester il 2 novembre 2012, ore 23:26

    Dunque Varese non è una città giardino,nonostante i bei parchi,le belle ville tutti retaggio di un passato quando élites privilegiate, anche se magari non sempre colte,costruivano e lasciavano cose belle.Ora abbiamo questo scempio di cemento,rumore e inquinamento.Ora non voglio fare un’analisi complessa,perché chiaramente cause e responsabilità sono molteplici.Però vorrei dire a Legambiente che, sec.me,ad es. la possibile costruzione di un parcheggio a Villa Mylius non è una “questione da addetti ai lavori” e che non è giusto affermare che, se non si cambia la mentalità dei cittadini,non si può fare niente.Penso che Legambiente dovrebbe avere a Varese un ruolo più incisivo e percebile da parte dei cittadini,se no appunto,mentre si raccomanda di andare in bicicletta(cosa che va benissimo)politici e company ci cementificano anche l’aria!AnnaBiasoli

Rispondi