Varese

Riordino Province, Galli lancia il guanto di sfida a Pd e Pdl

Il presidente Dario Galli

Scende in campo il presidente della Provincia di Varese, Dario Galli, per commentare il decreto del Consiglio dei ministri suo riordino delle province italiane.

Dice Galli: “L’ulteriore decreto del Governo peggiora, se possibile, la già inaccettabile precedente situazione riguardante il riordino delle province. Si vuol dare origine d’imperio a Province da 2 milioni di abitanti, mantenendo contestualmente il privilegio a piccole province e introducendo l’assurdità di regioni mono-provinciali, dove Province e Regione coincidono”.

Continua Galli: “In particolare rileviamo con grande delusione che il varesino Primo Ministro Monti non riesce a cogliere l’assurdità di accorpare una provincia di quasi 1 milione di abitanti come la nostra di Varese, senza tenere minimamente conto delle sue peculiarità abbondantemente dimostrate negli ultimi mesi. Ricordiamo per altro che il Governo Monti propone, ma sarà poi il Parlamento a dover ratificare tale proposta”.

“Se tutto andrà avanti così, come uscito dal Consiglio dei Ministri – sottolinea Galli – saranno i partiti, in particolare Pd e Pdl, a prendersi la responsabilità di ratificare il decreto. Poiché molti esponenti di tali partiti si sono espressi localmente contro l’accorpamento della Provincia di Varese, a questo punto ci aspettiamo che ai fatti seguano le parole e che nei prossimi passaggi parlamentari tale Decreto non venga approvato”.

31 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi