Varese

Tia, il Pd Mirabelli: le famiglie varesine quelle che pagano di più

Continua la dura polemica sollevata dal Pd circa la Tia (Tassa Igiene Ambientale), una tassa alta a Varese per le imprese, al centro dell’attenzione delle stesse imprese che alla tassa varesina assegnano la maglia nera. Il capogruppo Pd in Comune, Fabrizio Mirabelli, prosegue lo scontro con il sindaco Attilio Fontana. Mirabelli smentisce Fontana quando sostiene che la giunta Fumagalli ha introdotto le attuali tariffe per agevolare le famiglie. Il capogruppo Pd in proposito mette a confronto le tariffe di Varese e quelle di Verona. “Del resto – rimarca Mirabelli – anche il segretario leghista Roberto Maroni sostiene che Verona sia un modello per tutta la Lombardia”.

Numeri e tabelle a confronto, le tariffe a carico delle famiglie varesine certamente non le agevolano. Se a Verona un nucleo famigliare di una sola persona paga all’anno 49 euro, lo stesso nucleo a Varese paga 59 euro. Se guardiamo invece ad una famiglia di tre persone, a Verona paga 87 euro, mentre a Varese 124 euro. Mirabelli, però, non si accontenta di questo confronto. “Le tariffe praticate alle famiglie di Varese da Aspem non trovano paragoni – dice Mirabelli – nemmeno nella provincia di Varese”. Per documentare questi confronti, fa riferimento a dati ufficiali di Villa Recalcati.

“Se guardiamo al Rapporto sulla gestione dei rifiuti in provincia di Varese – incalza Mirabelli -, rispetto ai 141 Comuni del Varesotto, il capoluogo si situa all’ultimo posto, al 141° posto, per quanto riguarda i costi totali del servizio offerto ad ogni abitante: 150,08 euro rispetto ai 90,56 di Busto Arsizio o ai 105,52 di Gallarate”.

A questo punto, secondo Mirabelli, occorre che le tariffe vengano cambiate. “Occorre che il gruppo di lavoro che aveva iniziato ad operare a luglio – conclude Mirabelli – torni ad attivarsi per continuare nella sua azione di spengding review. Finora non è stato possibile a causa dell’ostruzionismo del consigliere leghista Emanuele Monti”.

30 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Tia, il Pd Mirabelli: le famiglie varesine quelle che pagano di più

  1. Marco il 31 ottobre 2012, ore 10:56

    Finalmente cade il velo sulle “bugie” del sindaco Fontana.
    Le famiglie di Varese non sono state favorite dalla penalizzazione delle industrie.
    Nessuno chiede favori. Basterebbe applicare la legge (nel caso specifico il DPR 158/99) per far pagare a tutti quello che veramente si DEVE pagare e non quello che l’amministraziione VUOLE che si paghi.
    Bisogna ricordare che, nelle utenze NON DOMESTICHE, alcune categorie sono PENALIZZATE, mentre alter sono FAVORITE, ben oltre i limiti concessi dalla legge.
    Lasciando stare le famiglie, si pensi prima di tutto al rispetto della legge.
    Se la legge è uguale per tutti, nessuno avrà modo di lamentarsi.
    A varese, la legge NON E’ UGUALE per tutti

Rispondi