Varese

Parcheggio a Villa Mylius, in attesa delle valutazioni degli ambientalisti….

L’area verde che ospiterà il parcheggio

Dopo l’annuncio, da parte del Comune di Varese, della volontà di realizzare un nuovo parcheggio all’interno di uno dei preziosi parchi di Varese, il parco di Villa Mylius, si è scatenato il confronto, con parecchi varesini che hanno espresso sconcerto di fronte a questa che è più che un’ipotesi, essendo già deciso, da parte del Comune, che il parcheggio si farà.

Eppure, tra le voci che si sono levate sul parcheggio che aprirà le porte del parco alle auto private, non si sono registrate prese di posizione da parte di associazioni e singoli esponenti del mondo ambientalista, prese di posizione che, in alcuni casi, si erano registrate lo scorso anno quando il progetto del parcheggio nel parco era stato già ventilato dal Comune. Un contributo che certamente arricchirebbe il dibattito su questo controverso progetto.

Un silenzio singolare, quello attuale, dato che, dopo il progetto di Villa Augusta, certamente più pesante e impattante, quello di Villa Mylius crea una pericolosa continuità, a conferma di un trend varesino nel costruire parcheggi nel verde pubblico. Il progetto esposto dall’assessore Clerici trova forse l’ambientalismo varesino favorevole? Si ritiene che non si tratti di un tema che richieda valutazioni e giudizi tempestivi? Si pensa che il progetto abbia la capacità di “riqualificare” davvero il parco cittadino, come è stato detto alla conferenza stampa?

Certamente le valutazioni da parte del mondo ambientalista potrebbero un valore aggiunto in un confronto che deve essere il più ampio e articolato possbile.

27 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti a “Parcheggio a Villa Mylius, in attesa delle valutazioni degli ambientalisti….

  1. ester il 27 ottobre 2012, ore 15:30

    la motivazione addotta per la costruzione del parcheggio a villa Mylius sarebbe quella di favorirne l’accesso ad anziani,donne in gravidanza ecc. ma se si dice che si deve camminare e di lasciare a casa l’auto;e poi la villa è a 5 minuti dal centro!Davvero pazzesco!Certo il problema è il costo del suo mantenimento,ma questo è un altro discorso.Io proporrei alle associazioni ambientaliste di intervenire subito non tanto per un tardivo e scontato dibattito,quanto per organizzare manifestazioni di protesta;ora ci sono tanti mezzi x farlo su internet o altro.Anna Biasoli

  2. Daniele Zanzi il 27 ottobre 2012, ore 15:59
  3. Cittadinosuperpartes il 27 ottobre 2012, ore 17:14

    Non c’e’ nulla da aggiungere dopo aver letto il pezzo che ha postato il Dott Zanzi, Se non riflettere sul fatto che: Via dalla politica e da posti dirigenziali i ladri gli ignoranti, gli incapaci, servono persone responsabili preparate all’altezza del compito (dal discorso di Jacopo Morelli giovani Confindustria) applicabile in ognio settore dell’amministrazione pubblica.

  4. boomeconomico il 28 ottobre 2012, ore 16:42
  5. ester il 28 ottobre 2012, ore 21:48

    in effetti il parco e la villa trasmettono questa sensazione arcana di”contegnosa malinconia” per vite di lì passate.Certo si tratta della storia di élites privilegiate che potevano fruire di cose belle e di atmosfere incantate,ora in qualche modo accessibili a tutti e da tutelare a tutti i costi!AnnaBiasoli

Rispondi