Varese

“Gatti da legare”, prima nazionale all’Apollonio per il Kiwanis

Teatro Apollonio

Tutto è pronto per la speciale serata di domani sabato 27, alle 20.30, che vede la prima nazionale della commedia brillante di Gary Ray Stapp “Gatti da legare” a sostegno, con il patrocinio del Comune di Varese, delle iniziative di Kiwanis Varese, a favore del progetto per combattere il disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività dei bambini. Sul palco la compagnia Effetti Collaterali, con la speciale partecipazione di Filippo De Sanctis, direttore del Teatro di Varese, per un testo brillante e di sicuro divertimento, con un linguaggio fresco e moderno: uno spaccato delle contraddizioni della società contemporanea, impreziosito dalla presenza di personaggi grotteschi e scene esilaranti. La regia è di Laura Botter, le musiche originali sono di Luca Berra.

“Gatti da legare” racconta di un’esperta coppia di “house-sitters”, custodi estivi di case, che teme di aver fatto un cattivo affare quando si accorge che il proprietario che li ha ingaggiati ha contemporaneamente affidato la sua abitazione fronte-lago nel Minnesota anche a un’altra coppia, per essere sicuro di potersi assentare in tutta tranquillità un intero mese.

Quando i quattro custodi si trovano tutti, loro malgrado, sotto lo stesso tetto, la convivenza forzata scatena subito uno scontro generazionale: da una parte ci sono i Julian, coniugi del New Yersey di classe medio-alta e socialmente realizzati, dall’altra Ruscello e Raggio di Sole, due spiriti liberi e anti-materialisti vegani dal Nord Carolina che hanno deciso di non aver nemmeno bisogno di un vero nome. Le diverse personalità si scontrano ancora di più quando si aggiungono i Bombay, vicini di casa che si presentano con una raffica di domande degne del Trivial Pursuit e con furiosi assalti di pura irritabilità. Equivoci, fraintendimenti, gaffe surreali e dialoghi paradossali sono gli ingredienti di una commedia trascinante che invita irresistibilmente alla risata. Ma non finisce qui… l’inabitabile camera principale è in corso di ristrutturazione a cura delle tre sorelle Garfield: due abili operaie con ossessioni mistiche e problemi personali, la terza ciocco-dipendente e con la testa vuota.

Senza una direzione della casa non c’è relax per nessuno… fatta eccezione per Amos, che guadagna il meritato riposo e, forse, per il gatto… se solo i quattro custodi fossero in grado di trovare la piccola e sfuggente creatura.

Sul palco: Paolo Franzetti, Laura Botter, Francesca Mamolo, Michele Barberis, Armando Molinari, Elena Zulo, Paolo Bosoni, Valeria Biscotto, Manuela Tenti, Marta Cassani, Filippo De Sanctis, Carlo Bosoni. Biglietti in vendita, per il posto unico a 10 euro, al botteghino del Teatro di Varese. Info: Teatro di Varese, tel. 0332/284.224 – 247.897.

L’autore Gary Ray Stapp è un membro fondatore di The Chamber Players Community Theatre a Garnett, Kansas, e, fin dalle sue origini, ha partecipato a numerose produzioni come attore, regista o scenografo. Si cimenta per la prima volta nel ruolo del commediografo nel 2003, raggiungendo con “Love Thy Neighbor” un successo inaspettato; negli anni successivi crea un repertorio significativo di nuovi testi teatrali, tutti pubblicati negli Stati Uniti, in Canada e in Europa. Gary e sua moglie Kim hanno due figli, Lacey e Taylor. Nel loro tempo libero amano dedicarsi ai viaggi all’estero, talvolta cogliendo l’occasione per assistere alla rappresentazione di una delle opere di Gary. Chissà, potrebbero anche presentarsi a sorpresa tra il pubblico dell’Apollonio per la prima assoluta in Italia di “The Trouble With Cats” messa in scena dagli Effetti Collaterali!

27 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi