Varese

Dopo Villa Augusta, a Villa Mylius un altro parcheggio nel verde

L’assessore Clerici e i suoi collaboratori presentano il progetto

Non è stata una brillante idea, quella dell’assessore alla Tutela Ambientale del Comune, Stefano Clerici, di scegliere di fare la conferenza stampa proprio nel parco di Villa Mylius, laddove un nuovo parcheggio andrà a minacciare un altro polmone verde della Città giardino. Dopo le contestazioni e le polemiche relative al mega-autosilo di Villa Augusta, il Comune non demorde e realizzerà entro la prossima primavera un parcheggio gratuito da 67 posti dentro uno dei parchi più belli della città, un’isola verde da 75 mila metri quadrati. Nelle vie adiacenti saranno invece ricavati 47 posti auto. Progetto che ha ricevuto il semaforo verde della giunta Fontana e della Soprintendenza.

Costo del nuovo parcheggio a raso, 130 mila euro, in gran parte coperti – paradosso nel paradosso – dai canoni d’affitto pagati dai gestori della telefonia mobile. Il parcheggio sarà sovrastato da un pergolato. Questa mattina l’assessore Clerici ha voluto presentare ai media il progetto del parcheggio rotondo, che tra l’altro, per essere realizzato, costringerà il Comune ad abbattere due alti tigli (questo consentirà di aprire lo spazio per fare entrare le auto nel parcheggio). Una presenza, tra giornalisti e telecamere, che non è sfuggita ai visitatori quotidiani del parco. Un gruppetto di persone che, alla notizia del nuovo parcheggio, si è allarmato e preoccupato, chiedendo ragione all’assessore, per quanto non mancasse neppure qualcuno favorevole.

“E’ il parco più bello di Varese – ha esordito l’assessore Clerici – e noi con il progetto del parcheggio vogliamo rendere il parco più fruibile e nello stesso tempo riqualificarlo”. Come ha sottolineato l’assessore, la riqualificazione non comprende solo il parcheggio. Saranno messi in sicurezza gli accessi al parco (nelle vie Veronese, Botticelli e Fiume). Verrà realizzata una nuova illuminazione a led dei sentieri, una nuova cartellonistica che indichi i 15 alberi monumentali, l’ampliamento dell’area giochi, il collegamento alla rete fognaria oggi non esistente, e poi panchine, fontanelle, rastrelliere per bici. Oltre al fatto che, se verranno abbattuti due tigli per realizzare il parcheggio, il dirigente Pietro Cardani ricorda che saranno piantati oltre cinquanta nuovi alberi. Costo complessivo 459 mila euro.

Una cifra non indifferente, tutta spesa per “riqualificare”, per usare la parola dell’assessore Clerici, il parco, donato insieme alla Villa al Comune di Varese dalla famiglia Babbini Cattaneo quattro anni fa. E se si pensa al parco, la villa versa in cattive condizioni, senza che interventi vengano, al momento, programmati.

25 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti a “Dopo Villa Augusta, a Villa Mylius un altro parcheggio nel verde

  1. comitato "drizza le antenne" il 25 ottobre 2012, ore 17:19

    riproponiamo la richiesta inoltrata all’Assessore in data 19 ottobre 2012 in relazione al parcheggio di villa Mylius.
    i soldi delle antenne sono destinati all’informazione ed alla tutela della salute pubblica.
    un parcheggio, tutela ben altri interessi, ledendo il concetto di bene comune.

    “Varese 19 ottobre 2012

    OGGETTO: richiesta accesso alla documentazione “Progetto di riqualificazione e valorizzazione integrata del parco Torelli Mylius ‘Achille Cattaneo’” Varese

    Gentile Assessore e gentili responsabili,

    la presente per richieder accesso alla documentazione relativa al “Progetto di riqualificazione e valorizzazione integrata del parco Torelli Mylius ‘Achille Cattaneo’”, pubblicizzato via stampa in data 16 ottobre 2012.
    Il comitato “drizza le antenne per una corretta informazione”, chiede di accedere a tali informazioni per conoscere in specifico le ragioni dell’uso degli introiti delle stazioni radiobase per pagare il 50% del progetto (il cui costo totale è pianificato in 458 mila euro).
    Come già puntualizzato ogni anno in sede di osservazioni al piano di localizzazione dei gestori, gli introiti sono vincolati all’informazione e salute pubblica, come da articolo 21 del REGOLAMENTO PER LE STRUTTURE DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA nella parte dedicata al PIANO ECONOMICO -
    FINANZIARIO PER INTERVENTI DI CONTROLLO E DI COMPENSAZIONE DELL’INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO.

    Il Piano prevede interventi per l’espletamento delle seguenti funzioni:
    1. sviluppo di forme di comunicazione ed informazione ai cittadini sul tema dell’inquinamento elettromagnetico e sulla situazione degli impianti installati e da installarsi;
    2. ·sviluppo di forme di sinergia per il controllo dell’inquinamento elettromagnetico e di forme di tutela della salute dei cittadini;
    3. misure varie che abbiano attinenza alla razionalizzazione della distribuzione degli impianti sul territorio comunale e al loro corretto inserimento nel contesto ambientale;
    4. interventi compensativi di recupero e riqualificazione ambientale.

    Le chiediamo quindi di conoscere gli estremi che trasformano parcheggi ed inquinamento luminoso in “interventi compensativi di recupero e riqualificazione ambientale”, unico punto del regolamento in materia che l’Amministrazione espone come giustificativo.

    In attesa di gentile riscontro
    distinti saluti
    “drizza le antenne per una corretta informazione”
    comitato di casbeno”

  2. Legambiente Varese via Facebook il 25 ottobre 2012, ore 18:26

    Sbagliare è umano, ma perseverare…

  3. Vittorio Pozzi il 26 ottobre 2012, ore 09:42

    Con quei soldi fate delle piste ciclabili sicure e protette in citta”(VEDI ALTRE CAPITALI EUROPEE) . FATE RIDERE E SIETE TUTTO UN CONTRSENSO. NELLE SCU OLE ELEMENTARI INSEGNANO L”USO DELLA BICICLETTA X SPOSTARSI. MI E” CAPITATO A VOLTE DI VEDERE SCOLARESCHE IN BICI IN CENTRO SCORTATE DA VIGILI.CHE PENA POVERACCI NON SANNO CHE SE USEREBBERO QUESTO MEZZO RISCHIEREBBERO IN OGNI MOMENTO LA VITA.MA FORSE OGGI E” ANCHE GIUSTO COSI” , NON DOBBIAMO MERAVIGLIARCI PIU DI NIENTE. NEMMENO DELLE COSE PIU ASSURDE ED IMPENSABILI.

Rispondi