Varese

Pgt, l’Udc alza il tiro sul leghista Binelli: “l’urbanistica è allo sbando”

Duro attacco del gruppo consiliare Udc, Ennio Imperatore e Mauro Morello, nei confronti dell’assessore all’Urbanistica del Comune di Varese, il leghista Fabio Binelli.

“Da anni denunciamo l’inadeguatezza dell’operato dell’assessore all’urbanistica – dicono gli Udc varesini-, dalla primavera di quest’anno tutte le forze politiche presenti nell’amministrazione cittadina ne hanno preso atto, eccetto la Lega, della quale l’assessore è espressione politica, tentando anche di “commissariarlo” attraverso la Commissione competente”.

Continuano i consiglieri: “Nella seduta della Commissione Sviluppo e Pianificazione Territoriale (urbanistica) tenutasi ieri – estremo ulteriore tentativo del Presidente e dei Commissari della stessa di recuperare la situazione sempre più difficile in cui versa l’urbanistica varesina e quindi sotto questo aspetto l’intera città con indiscutibile aggravio del già pesante momento socioeconomico che ci coinvolge tutti – è emerso chiaro che ad oggi l’assessore Binelli non è in grado di dire quando potrà essere adottato il Piano di Governo del Territorio, anzi non è in grado di fornire neppure un attendibile cronoprogramma relativo ai tempi di stesura dello stesso; non vi sono a detta del Presidente di Commissione problemi di maggioranza tali da generare i ritardi che sono sotto gli occhi di tutti”.

Per l’Udc “l’assessore ha quindi bellamente dichiarato in Commissione che questo ritardo è imputabile a dirigenti e dipendenti messigli a disposizione, nonché a generiche carenze della “sua” struttura (della quale è al vertice dal 2006!) in particolare nel biennio 2009-2010; se così fosse stato e non lo crediamo, cosa aspettava a denunciarlo? Fatto grave anche perché lo dichiara ad obiettivo fallito e su sollecitazione dei Commissari! Ma abbiamo imparato che è sua abitudine scaricare su altri le proprie colpe, quando non sono più occultabili”.

Conclude il gruppo Udc: “Varese per affrontare la crisi ha bisogno di capacità progettuale in ogni settore e noi a detta dell’assessore abbiamo l’area di sua competenza allo sbando dopo ben sei anni di sua gestione… Qualcuno gli spieghi quanto meno che la “poltrona assessorile” non è fatta per dormirci sopra. Abbiamo già chiesto più volte, sin dal 2007, senza ascolto all’”assessore poltronaro” di assumersi la responsabilità del proprio fallimento prendendo così atto della propria inadeguatezza: non si può mettere in sofferenza Varese per il proprio attaccamento alla poltrona! Abbiamo denunciato al Sindaco, che ha indubbiamente la responsabilità di avere delegato detta persona a “guidare” l’area urbanistica, che la situazione si è fatta insostenibile (sbagliare è umano, ma è obbligo anche morale porvi rimedio), ma Binelli pare “intoccabile””.

“Vogliamo in primo luogo denunciare ancora una volta la necessità che Varese individui tempi certi entro cui dotarsi del Piano di Governo del Territorio, che ricordiamo è anche Piano dei Servizi e delle Regole. Oggi però Varese sarà ancora una volta occupata dai gazebo della Lega, in questa occasione per sostenere la Candidatura del suo Segretario Nazionale alla guida della Regione Lombardia. Maroni è stato anche Presidente del Consiglio Comunale di Varese, certamente sente di “appartenervi”. Chiediamo anche a lui, oggi, garbatamente di dimostrarci che ritiene fondamentali per il nostro paese le realtà locali, che il buon governo può partire dalla nostra città: si faccia parte diligente e responsabile intervenendo politicamente per porre fine all’agonia in cui un assessore del suo partito ci ha trascinato tutti!”.

20 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi