Varese

Il cartello di un parrucchiere a Bizzozero: “Politici ladri a casa!”

 

Il cartello apparso a Bizzozero

Non è la prima volta che accade a Varese. Tutto è iniziato con il calzolaio di via Piave che, con un cartello ben in vista, proibiva ai politici di varcare la soglia del suo negozio. Una scelta, come lui aveva spiegato, che era nata dall’esasperazione per la situazione del Paese.

Ora un altro negoziante varesino ha esposto un altro cartello di protesta: “Non voglio più vergognarmi di essere italiano. Ora basta, politici ladri a casa!”. E’ il messaggio che si legge fuori da un negozio di parrucchiere a Bizzozero. Un cartello che dà voce alla esasperazione e allo sgomento di gran parte dell’opinione pubblica di fronte a scandali e inchieste che ogni giorno riguardano la nostra classe politica, a partire dalla Regione Lombardia, dove sono arrivati a quota 15 i politici con inchieste in corso.

Un sentimento molto diffuso, di cui i commercianti a Varese si fanno spesso portavoce.

 

18 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi