Varese

Ecco i salamini di cinghiale “made in Varese”. Con un piccolo segreto

 

Salamini e un buon Merlot alla sede ex Apt

Salamini di cinghiale prodotti nella nostra provincia. Lo ha annunciato, questa mattina, l’assessore all’Agricoltura provinciale Bruno Specchiarelli, che ha presentato un prodotto tipico che va ad aggiungersi agli altri, che danno lustro al Varesotto: la Formaggella del Luinese dop, il miele prealpino quasi dop, il vino dei Ronchi Varesini Igp, per non parlare degli ultimi due Igp in arrivo, il Salame Prealpino e gli Asparagi di Cantello. Questa volta parliamo di un ottimo salamino. Lo annuncia l’assessore provinciale: “la carne utilizzata per questi salamini di cinghiale arriva dai cinghiali vittime di incidenti o da quelli abbattuti secondo il piano annuale sul fronte della fauna selvatica”. Fino allo scorso anno “la carne dei cinghiali veniva offerta agli enti morali - spiega Specchiarelli -, ma con il Consorzio salame prealpino abbiamo deciso di realizzare questo prodotto”. Un prodotto che, una volta venduto, dovrebbe mettere a disposizione risorse per rimborsare gli agricoltori dei danni procurati dagli stessi cinghiali: danni che, a fine settembre, già avevano raggiunto una cifra di 50 mila euro,

Il presidente del Consorzio, Andrea Minoli, artigiano, conferma il carattere sperimentale del prodotto, che non è stato ancora commercializzato, mentre lo sarà per Natale. “Al momento stiamo facendo assaggiare questa novità per vedere le reazioni – dice il presidente -. Il nostro è un progetto-pilota, dato che punta ad “addolcire” il sapore aspro del normale salame di cinghiale. Nel nostro prodotto c’è il 50% di cinghiale, il 30% di maiale e il 20% di grassi”.  Gli fa eco il vicepresidente Cristian Del Molino, agricoltore: “Dai primi assaggi che ho proposto ad AgriVarese, le reazioni sono state positive. Stiamo tentando di scardinare i luoghi comuni sul sapore forte della selvaggina”.

Questa mattina, la presentazione del nuovo prodotto, avvenuta presso la sede dell’ex Apt all’Ippodromo,  è stata accompagnata ad un ottimo vino: uno straordinario Merlot prodotto, con il vitigno dei Ronchi Varesini, dall’azienda Cascina Ronchetto di Morazzone.

15 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi