Varese

Ludivine e Wilson sposi in Comune. Applausi e una grande festa a Valle Olona

Foto-ricordo per il matrimonio che oggi si è celebrato in Comune

Un bel matrimonio, fatto di sorrisi, di applausi, di battute, di tanti ragazzi e tante ragazze eleganti. Un matrimonio come tanti, ma anche diverso da tanti altri matrimoni. Questa mattina, a Palazzo Estense, si sono sposati con rito civile due studenti universitari di medicina originari del Camerun.  I loro nomi sono Ludivine Mabelle Kentchou e Wilson Azangmo Feudjio, giunti in Comune insieme a tanti loro amici camerunensi e italiani. Un rito civile officiato da Luisa Oprandi, con la fascia tricolore, che ha celebrato il matrimonio con il sorriso sulle labbra. “Che belli che sono”, diceva la Oprandi, quando i due ragazzi si sono detti il loro sì per la vita, tra gli applausi e le battute dei loro amici, forse più emozionati degli stessi sposi.

Una bella storia, quella dei due ragazzi. Lui vive a Padova, mentre lei vive a Brescia. Ma prima di cambiare città lei ha studiato a Varese, ha conosciuto tanti amici, e poi la città giardino le piace proprio. “E’ la mia seconda città, qui ho tanti amici, ci torno spesso, mi piace”. Per ragioni di studio, però, continua ad abitare a Brescia, la città in cui andrà ad abitare la giovane coppia. Dice lui, guardando la moglie con dolcezza: “Voglio che leio si senta più a casa”.

Insomma, una Varese multirazziale e multiculturale, come ha dimostrato la cerimonia di oggi, è una solida realtà. E nulla possono contro tale realtà le ossessioni dell’identità e delle tradizioni. “Siamo orgogliosi – dice la Oprandi – che questi due ragazzi abbiano scelto la nostra città per sposarsi. Qui hanno tanti amici, che sono tutti invitati ad un bel pranzo di nozze che adesso verrà fatto presso la parrocchia di Valle Olona e sarà allietato dal coro “. Continua la Oprandi: “Una coppia che rende ancora più bella la nostra città”.

Al rito civile è intervenuto anche un sacerdote amico della coppia, anche lui camerunense: padre Joseph, della parrocchia di Casorate Sempione. E alla coppia la Oprandi ha donato un bel libro del Vescovo anti-’ndrangheta, Giancarlo Maria Bregantini dal titolo “Come perle di una collana”.

13 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi