Economia

Scapolan nuovo presidente camerale. Sonora sconfitta del candidato Univa

Renato Scapolan, nuovo presidente della Camera di commercio di Varese

Al termine della quarta votazione che lo ha eletto, Renato Scapolan, nuovo presidente della Camera di Commercio di Varese, rimarca che “non ci sono state divisioni, ma solo visioni diverse”. Tuttavia, ribadisce il vicepresidente uscente, esponente di Confartigianato Varese, l’obiettivo è lo stesso: “il bene comune del sistema economico della nostra provincia”.

E’ stato eletto Scapolan al vertice dell’ente camerale, il candidato di Associazione Artigiani e Cna, mentre è uscito con una sconfitta sonora Bruno Amoroso, il candidato dell’Unione industriali di Varese. Può essere che, come dice il neo-presidente, ora ci sia unità di intenti, ma certamente le spaccature si sono fatte sentire fino all’ultimo voto. Le prime tre votazioni non sono andate a buon fine. Nella quarta, dove era necessaria solo la maggioranza semplice, Scapolan è stato eletto, e dunque il nuovo presidente non è stato espressione di una forte maggioranza, quanto piuttosto di un Consiglio diviso. 18 sono stati i voti per lui, mentre ad Amoroso sono andati 9 voti, 4 le schede bianche e una nulla. E’ evidente che per raggiungere il suo risultato Scapolan ha dovuto incassare i voti di esponenti di altre categorie, commercianti o piccole imprese.

Tra gli auspici del neo-presidente Scapolan, “la formazione di una nuova classe dirigente per la Camera di commercio”. Forte fiducia espressa nei confronti del segretario generale Mauro Temperelli. “Al contrario di ciò che qualcuno ha scritto, non credo che ci saranno cambiamenti: il segretario generale ha tutta la mia stima”.

Il dato significativo di queste elezioni è la forte sconfitta subita dall’Unione industriali di Varese, che ha visto il suo candidato ricevere la metà dei voti che sono arrivati al nuovo presidente. Dopo la quarta votazione, ha preso la parola il vicepresidente di Univa, Luigi Prevosti, che ha letto il cambio della guardia non come una “bocciatura”, ma piuttosto come “una più che legittima alternanza democratica”. Per Prevosti il duro responso delle urne non è stato il risultato di “una guerra santa”, e il punto di riferimento resta comune: “il bene del territorio”.

Fra quindici giorni la convocazione del Consiglio per l’elezione della giunta camerale, un appuntamento che servirà per confermare la leadership di Scapolan, dato che la giunta potrebbe essere la proiezione della stessa maggioranza che ha eletto il presidente, ma potrebbe presentare anche qualche imprevisto.

11 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Scapolan nuovo presidente camerale. Sonora sconfitta del candidato Univa

  1. Delio il 11 ottobre 2012, ore 22:25

    Non penso proprio che ci siano degli imprevisti xche’ le imprese non sono come la politica e sapranno trovare un giusto equilibrio x formare una giunta responsabile che sappia rappresentare tutti i settori economici del nostro territorio .

Rispondi