Varese

Taglio del nastro al ponte della Rasa. Ma un anziano contesta il sindaco

Il momento dei discorsi ufficiali

Le inaugurazioni sono sempre un richio per le autorità, di questi tempi di anti-politica. E’ accaduto anche ieri, quando sindaco Fontana, vicesindaco Baroni e presidente della Provincia Galli sono giunti al nuovo ponte della Rasa per il tradizionale taglio del nastro.

Prima di iniziare, quando le autorità erano appena arrivate, un anziano abitante della Rasa si è avvicinato e ha detto: “Sono venuto qui apposta per il sindaco…signor sindaco, andate più su, sulla strada, per tagliare i rami che crescono e nessuno taglia”. Una piccola contestazione sul verde pubblico che ha creato qualche disappunto tra i presenti.

A parte la piccola contestazione dell’anziano varesino, ieri sono stati inaugurati il ponte e un piccolo parcheggio accanto al cimitero. “Nonostante il periodo difficile – ha spiegano il sindaco– si è riusciti a realizzare grazie al fondamentale contributo della Provincia un’opera attesa da anni”.

Il presidente della Provincia Galli, invece, ha dichiarato: “Oggi in questo Paese le opere vengono portate a termine dagli enti locali, dai comuni e dalle province, opere piccole che migliorano la qualità della vita del territorio e la sicurezza dei cittadini”.

Diversi accenni, sia da parte di Fontana che da parte di Galli, alla situazione politica, al governo Monti e ai tagli. Fontana ha poi sottolineato come, sul tema del federalismo, “una volta tutti erano d’acccordo, ma mi piacerebbe conoscere cosa pensano oggi i partiti che sostengono il governo”. Accanto al sindaco leghista, era presente il vicesindaco Baroni, esponente di uno dei partiti che sostengono Monti, ma non ha fatto polemiche.

Prossimo passo, la ristrutturazione del ponte storico con il secondo lotto dell’intervento: ora sul nuovo ponte si transita in direzione Brinzio (su questa struttura c’è anche il percorso pedonale), sul vecchio in direzione Varese. Il costo complessivo del primo lotto è stato di circa 1 milione e 100 mila euro. Il secondo lotto avrà un importo pari a circa 495 mila euro e consisterà appunto nella sistemazione del vecchio ponte. Il progetto dovrebbe essere approvato entro la fine del 2012. La Provincia ha finanziato i lotti con 890 mila euro.

 

10 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi