Regione

Arrestato il Pdl Zambetti, assessore alla Casa della giunta Formigoni

 

Arrestato l’assessore del Pirellone Zambetti

Ennesimo esponente regionale finito nelle maglie della giustizia. E’ stato arrestato dai Carabinieri, questa mattina, l’assessore della giunta Formigoni, Domenico Zambetti, assessore Pdl alla Casa del Pirellone, che secondo l’accusa avrebbe pagato alla ’ndrangheta 200 mila euro per un pacchetto di voti sicuri (4000 i voti acquistati).

Un’accusa gravissima, quella di avere pagato la criminalità organizzata. Non solo: l’assessore lombardo Domenico Zambetti avrebbe fatto assumere la figlia di Eugenio Costantino, presunto ‘ndranghetista, in cambio dei voti della cosca. È quanto hanno spiegato i pm nel corso della conferenza stampa. La figlia del presunto boss sarebbe stata assunta all’Aler e il politico si sarebbe speso anche per favori alla mafia calabrese su alcuni appalti.

Le indagini, coordinate dai carabinieri del comando provinciale di Milano e dalla Dda milanese, avrebbero accertato anche la presenza a una cena in un ristorante milanese dell’assessore regionale lombardo Domenico Zambetti e del presunto boss della ‘ndrangheta Paolo Martino, già coinvolto in altri procedimenti penali sulle infiltrazioni mafiose in Lombardia. Lo hanno chiarito i pm milanesi.

10 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi