Varese

Fiera di Varese, Cattaneo evita il tapiro, taglio del nastro molto lumbard

Autorità e imprenditori allo stand di Terra Insubre

Al taglio del nastro della Fiera di Varese era presente tutto lo stato maggiore del Carroccio, a partire dal segretario federale Roberto Maroni. Accanto a lui il sindaco di Varese, Attilio Fontana, e il presidente della Provincia di Varese, Dario Galli. Un’edizione, seguita dall’assessore leghista al Commercio e Promozione del territorio Sergio Ghiringhelli, che puntava a stringere i rapporti con la vicina Svizzera. A rappresentarla è giunto alla Schiranna Norman Gobbi Vais, Consigliere di Stato del Canton Ticino, della Lega dei Ticinesi. Non mancavano neppure gli assessori e i consiglieri comunali leghisti: oltre a Ghiringhelli, gli assessori Binelli, Piatti e Piazza, e i consiglieri comunali Lazzarini e Niada. Per gli assessori leghisti di Villa Recalcati, l’assessore a Lavoro e Politiche giovanili, Alessandro Fagioli.

Insomma, una vetrina lumbard che non si ricordava da tempo.  Certo, non mancavano neppure gli esponenti del Pdl, ma, come nel caso del presidente del Consiglio comunale di Varese, Roberto Puricelli, con precisi paletti. “Sono qui soprattutto per il mio ruolo istituzionale”. Presenti anche altri assessori pidiellini laici, come Giuseppe Montalbetti e Simone Longhini. Presente anche il vicepresidente della Provincia, Luca Marsico. Sul fronte ciellino, invece, erano presenti il vicesindaco Carlo Baroni e l’assessore provinciale Piero Galparoli, mentre ha dato forfait l’assessore alla Mobilità e Infrastrutture Raffaele Cattaneo, che con una lettera ha spiegato di non potere intervenire all’inaugurazione (era alla fiera di Rho, con il presidente di Trenord Malugani, per essere intervistato dal giornalista Roberto Poletti). Un’assenza arrivata dopo il terremoto su Internet provocato dall’assessore Cattaneo con alcuni tweet sui tagli alla Regione. Non arrivando alla Schiranna, ha evitato anche di essere omaggiato di un gentile Tapiro già pronto per lui. Unico esponente Pd presente alla Schiranna, il consigliere regionale Stefano Tosi.

La cerimonia di apertura, che si è svolta nel grande padiglione istituzionale, ha visto intervenire le autorità, tra cui anche il Prefetto Giorgio Zanzi e, per gli organizzatori della Fiera, Antonio Manazza in rappresentanza della Manazza Gefra srl. Una serie di interventi che, nel caso degli amministratori leghisti, si sono prevedibilmente rivolti contro il governo, i tagli, l’accorpamento delle province. A benedire la manifestazione è stato don Pino Tagliaferri, parroco di Biumo Inferiore. Poi il taglio del nastro e la Fiera di Varese è partita ancora una volta.

6 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Fiera di Varese, Cattaneo evita il tapiro, taglio del nastro molto lumbard

  1. Pippo Pitarresi il 6 ottobre 2012, ore 16:28

    Caro direttore, stamattina non ho potuto partecipare all’inaugurazione della fiera, in quanto impegnato con il coordinamento prov. dell’associazione LIBERA per programmazione attività ed iniziative di contrasto all’illegalità che affliggono il nostro territorio e non solo.

Rispondi