Varese

Province, Pd ai leghisti: non avete portato a casa alcun risultato

Il consigliere regionale Alessandro Alfieri

“Così non va, e stupisce la mancanza di risultati degli amministratori della provincia di Varese, Fontana e Galli in primis. Se la logica è quella delle deroghe, Varese aveva più requisiti di altre per ottenerla”. Lo dichiarano i consiglieri regionali del PD Alessandro Alfieri e Stefano Tosi dopo che il Consiglio delle autonomie locali, chiamato a formulare una proposta di riassetto delle Province lombarde in accordo con i criteri della spending review del governo Monti, ha oggi deciso per l’introduzione di tre deroghe, per le province di Mantova, Monza e Sondrio. Le uniche aggregazioni sarebbero dunque quelle di Varese, Como e Lecco e di Cremona e Lodi.

“Questo quadro è irricevibile – dichiarano gli esponenti del PD – e ci stupisce che gli amministratori di Varese non abbiano saputo correggerlo. È evidente che la spending review lanciava una sfida per il riassetto dell’amministrazione locale a cui era necessario rispondere con coraggio e volontà di innovazione. Così non è stato e l’introduzione di deroghe per ben tre province di fatto sconfessa la linea proposta dal Governo, mettendo in dubbio anche la possibilità di effettuare quella riforma degli enti territoriali che attendiamo da anni e che potrebbe incrementarne l’efficienza e l’efficacia. In Consiglio regionale lavoreremo per correggere questa impostazione”.

2 ottobre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi