Varese

Nella mostra “Ri-flesso urbano” un omaggio a Luciana Schiroli

Da sinistra, Accardi, Macchi, Scampini

Taglio del nastro per la mostra “Ri-flesso urbano” alla Galleria Punto sull’Arte, la quinta rassegna organizzata da Sofia Macchi e dalle sue collaboratrici. Ad esporre, come sempre, secondo la formula seguita dalla vetrina di Casbeno, tre artisti diversi e almeno uno scultore: i due pittori sono Angelo Accardi e Wilfred Lang, lo scultore Pietro Scampini.

Così le silhouettes in ferro firmate da Scampini si mescolano alle grandi tele del salernitano Accardi e del cino-americano Lang. Il pittore Angelo Accardi ripropone squarci di città, Varese compresa, in cui colloca elementi e presenze assurde e contraddittorie. Vediamo Palazzo Estense con struzzi che invadono i giardini del Comune, un aereo decolla da piazza San Vittore, un altro aereo arancione si staglia sull’edificio della Questura di Varese. Quanto a Wilfred Lang, i suoi paesaggi metropolitani sono diffusi, evanescenti, ricchi di riflessi.

La galleria di Sofia Macchi continua così, passo passo, nel suo cammino che, ricordiamolo, non si limita ad esporre artisti, ma spesso li rappresenta e li porta in grandi mostre-mercato. In questa mostra, “Punto sull’Arte” ha inserito in catalogo, a proposito delle opere del varesino Scampini, un intervento della compianta Lucia Schiroli, che mostra le sue doti di singolare capacità intuitiva nei confronti dell’arte.

30 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi