Cinema

“Cesare deve morire” dei fratelli Taviani in corsa per l’Oscar

I fratelli Taviani

Il film “Cesare deve morire” dei fratelli Taviani, gia’ vincitore dell’Orso d’Oro a Berlino e grande successo internazionale della cinematografia italiana di quest’anno, e’ il titolo italiano in corsa alle nomination come miglior film in lingua straniera per l’85esima edizione del Premio Oscar.
”Siamo felici ed è solo l’inizio di un bel viaggio. C’e’ tanta strada da fare”, hanno commentato i fratelli Taviani, che hanno ricevuto la notizia mentre stavano prendendo l’aereo per gli Usa dove parteciperanno in concorso al Festival di New York.

Questa la decisione della Commissione di Selezione, istituita presso l’Anica su incarico dell’Academy Award, e composta da Angelo Barbagallo, Nicola Borrelli, Francesco Bruni, Martha Capello, Valerio De Paolis, Piera Detassis, Nicola Giuliano, Fulvio Lucisano e Paolo Mereghetti. Il film dei fratelli Taviani si e’ imposto sulla rosa dei dieci in lizza che contemplava anche: “Bella Addormentata” di Marco Bellocchio; “Il cuore grande delle ragazze” di Pupi Avati; “Diaz” di Daniele Vicari; “E’ stato il figlio” di Daniele Cipri’; “Gli Equilibristi” di Ivano De Matteo; “La- Bas, Educazione Criminale”, di Guido Lombardi; “Magnifica Presenza” di Ferzan Ozpetek; “Posti in piedi in Paradiso” di Carlo Verdone e “Reality” di Matteo Garrone. “Cesare deve morire” gia’ sta sbarcando in America: e’ in concorso al Festival del cinema di New York, giunto alla sua 50esima edizione e in programma dal 28 settembre al 14 ottobre.

La partecipazione del film alla kermesse della Grande Mela rappresenta l’anteprima assoluta nel territorio statunitense, dove il film sara’ poi distribuito nelle sale a partire da febbraio 2013 ad opera del distributore americano Adopt films.

 

26 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a ““Cesare deve morire” dei fratelli Taviani in corsa per l’Oscar

  1. ombretta diaferia il 26 settembre 2012, ore 14:57

    fantastico!
    questa settimana saprò di cosa parlare con i carcerati che l’hanno visto…

Rispondi