Cultura

Settimana del libro, e la bufala corre veloce sul web

Una fantasiosa Settimana del libro corre sul web

Non è chiaro da chi, come e perchè sia partita. Ma come dice il messaggio che sta invadendo le pagine Facebook è la Settimana del libro. Un messaggio, con relative istruzioni, che sta correndo via web e che potrebbe essere, tutto sommato, da non disprezzare se aiuta a leggere e parlare di libri.

“E’ la settimana del libro. Prendi il libro più vicino a te, vai a pagina cinquantadue e copia la quinta frase. Non menzionare il titolo né l’autore. Copia le istruzioni nel tuo status.”

Una settimana che è partita a volte due settimane fa, a volte oggi stesso. Comunque è un messaggio che potrebbe incentivare lettura e libri, sia pure sotto la fantasiosa ricorrenza, questa sì una bufala, della Settimana del libro.

23 settembre 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

9 commenti a “Settimana del libro, e la bufala corre veloce sul web

  1. mauro sabbadini il 23 settembre 2012, ore 15:55

    io ci sono cascato, anche se in realtà il sospetto che fosse una bufala ce l’avevo da subito. Però l’idea i piace e credo che continuerò a diffonderla, grazie comunque a Varesereport perché questo lavoro di debunking nell’epoca di internet è fondamentale

  2. Bruno Belli il 23 settembre 2012, ore 18:27

    Caro Direttore, non usando Facebook, non ero al corrente di questa fatto, che, però, mi pare idea per nulla malvagia.
    Quindi, incuriositi, per colpa tua, ho provato a fare quello che hai riportato tra le virgolette e che qui riporto, perchè, appunto, non ho un profilo Facebook.

    La frase corrispondente è questa – giuro che mi sono attenuto alle istruzioni:

    “Senza unità di credenza e di patto sociale, senza unità di legislazione politica, civile e penale, senza unità di educazione e di rappresentanza, non v’è Nazione”.

    Non capisco, però, perchè non si debba menzionare autore e titolo del testo.
    Qualche internauta, magari il signor Mauro che ha lasciato il precedente post, potrebbe spiegarcelo? Grazie.
    Ad ogni modo, se servisse, sono, ovviamente, pronto a riportare autore e titolo della frase “incriminata”.

  3. sergio vito il 23 settembre 2012, ore 22:22

    Scritti di Giuseppe Mazzini. Ci dice, però, in quale edizione questa citazione si trova esattamente a pagina 52 quinta frase? Non è la Sonzogno…

  4. Zauberflote il 23 settembre 2012, ore 23:05

    Sto al gioco anch’io.
    Pagina 52, quinto periodo.

    ” Data la sveglia ai sensi come si puo’ negli anni dell’ignoranza, sopravverrà sì la ragione a vergognarsene o a lamentarne la sozza padronanza; ma come sopravviene la forza di debellarli e di rimetterli al loro posto di sudditi? ”

    Provo ad indovinare il virgolettato di Bruno Belli.
    Autore: Roberto Bossi
    Volume: Dio e Padania

  5. Bruno Belli il 24 settembre 2012, ore 10:28

    Bravissimo Sergio Vito, perchè e Mazzini.
    Per la precisione, una frase del capo III de “Istruzione generale per gli affratellati nella Giovine Italia” (1831).
    E’ a pag. 52 di un bel volumetto,edito nel 1961, dall’ “Ente Nazinale Biblioteche Popolari e Scolastiche”, “Gli ideali del Tisorgimento e dell’Unità” che fa da pendant con “Figure ed episodi del Risorgimento Italiano”, per medesimi anno di pubblicazione e casa ed.

    Si trova sulla mia srivania con alcuni altri libri, ed è il primo sopra ad una delle due pigne, semplicemente perchè sto ultimando un lavoro sul Risorgimento che mi sta tenendo impegnato da più di 2 anni.

    Preciso, in tutta onestà, nonostante che appartenga ad uno dei miei pensatori “pragmatici” prediletti, che non avevo alcun intento di tipo “politico”, ed è stato un caso che fosse il libro più vicino a me, davanti al computer, ma colgo con soddisfazione l’ironia e l’acume di @Zauberflote, un lettora “magicamente” ironico.

    Torno a vedere simpatica questa “bufala”, ma aspetto di sapere, perchè non si possa rivelare l’autore quando si lascia la frase. Chi ci aiuta?

  6. Zauberflote il 24 settembre 2012, ore 15:51

    @Grazie a Belli per il “magicamente” ironico. L’autore si puo’ trovare spesso copiando la frase virgolettata in Google. Ho provato col mio brano e …..funziona.
    Credo che la ricerca possa andare a buon fine per la letteratura, meno per testi scientifici o per la saggistica. Insomma, è un po’ una caccia al tesoro stando seduti.

  7. Lulla il 25 settembre 2012, ore 11:55

    trovo che “la settimana del libro” e l’idea di postare una frase siano un bel pretesto per avvicinarci alla lettura…
    Io leggo molto, ad esempio in questi giorni sono alle prese con due testi, uno per lavoro l’altro per diletto ma non tutti sono accaniti lettori, alcuni hanno libri in casa che nn hanno mai aperto (peccato)….
    Credo che chiedere di aprire un testo a una determinata pagina leggendo una sola frase sia un modo per accendere la curiosità sul resto del contenuto… e lo stesso vale per il NON indicarne titolo e autore: potrebbe essere un bel modo per attivare in noi la voglia di fare una piccola ricerca!!!
    Credo che evitare di citare le fonti possa togliere ogni forma di pregiudizio verso un dato autore.
    Ovviamente è solo una mia ipotesi dato che non so il reale motivo per cui si chieda di non citare le fonti :)

  8. marco70go il 25 settembre 2012, ore 13:14

    Di certo non è un’iniziativa dannosa e/o trufffaldina e/o fastidiosa come possono essere certe catene (di Sant’Antonio e non), tutt’altro; ma riportare una frase fuori contesto presa da un libro del quale non si cita né titolo né autore, è solo un giochino, e pensare che potrebbe incentivare la lettura è un grosso malinteso.

  9. ombretta diaferia il 25 settembre 2012, ore 20:05

    è la dimostrazione che le giornate, le settimane e quant’altro voglia diffondere e promuovere qualsiasi tema, oltrepassino i limiti temporali…

    “are you ready to inhabit another country altogether”

Rispondi